Turismo, chiusa l’infrazione dell’UE sui pacchetti viaggi italiani

Qualche novità di interesse per tutti i consumatori italiani che acquistano i propri pacchetti – viaggio all inclusive: grazie alle novità spinte dalla Commissione Europea, infatti, gli acquirenti potranno stare tranquilli anche nell’ipotesi sventurata di fallimento dell’operatore turistico, visto e considerato che ora verranno rimborsati, come prevede la legge. La novità è merito di un lungo processo svoltosi in quattro anni di procedura d’infrazione che l’Unione Europea ha scelto di archiviare proprio dopo aver valutato positivamente i provvedimenti che sono stati assunti dall’Italia.

porta di brandeburgo

Berlino: la Porta di Brandeburgo

Berlino è una delle città più affascinanti e multi sfaccettate del continente europeo. Le attrazioni turistiche sono tante, dal punto di vista storico ma anche artistico e sociale. Berlino è da decenni una fucina di novità, innovazione, sperimentazione in vari ambiti. Scopri cosa vedere a Berlino e rimarrai stupito dalla quantità di luoghi di notevole interesse che offre la città tedesca.

Turismo LGBT, arriva la prima piattaforma italiana

Ha preso ufficialmente il via GayFriendlyItaly, la prima piattaforma internet italiana dedicata al turismo omosessuale e transgender: un business, quello del turismo LGBT, che è in forte nel panorama internazionale e anche in quello italiano, che avanza di pari passo – fortunatamente – all’abbattimento delle barriere indotte dai vincoli tradizionali. Per quanto concerne ad esempio alcune statistiche, si stima che in Italia su 60 milioni di turisti che annualmente visitano il nostro Paese, tra i 3 e i 6 milioni facciano parte della comunità LGBT. Insomma, una platea di sicuro rilievo, che evidentemente molti operatori non desiderano lasciarsi sfuggire, tanto

Turismo termale, premiate startup a Fiuggi

Rilanciare la proposta del turismo termale con percorsi costruiti su misura, lanciare il portale dedicato al cicloturismo con noleggio bici e cura del corpo dopo passeggiate nella natura, valorizzare l’app che mette in rete le piscine termali, promuovere la ‘via delle Terme’. Sono queste solamente alcune delle iniziative che sono state presentati nel corso della due giorni di Fiuggi dell’Accelerathon, l’azione di accelerazione per la creazione di nuove imprese innovative realizzata nell’ambito del programma FactorYmpresa Turismo del ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo e coordinata da Invitalia.

Turismo in Liguria, nuova app per conoscere il territorio

In Liguria, una delle regioni più attente e più innovative sul comparto turistico, è stata recentemente presentata una nuova app che vuole incentivare il settore. Denominata “La mia Liguria“, è un nuovo software sviluppato da Liguria Digitale e presentato lo scorso giovedì 16 novembre ai rappresentanti del mondo del turismo genovese, e a tutti gli operatori privati che hanno avuto l’interesse e la curiosità di comprendere che cosa si celasse dietro tale programma. A proposito, di cosa si tratta? Stando a quanto afferma l’assessore al turismo di Genova, Paola Bordilli, l’app sarà uno strumento utile al territorio, sia agli enti

Il turismo del 2019 sarà “lento”

Il turismo del 2019 sarà all’insegna della lentezza, e il ministro dei Beni Culturali e del Turismo – che ha recentemente annunciato il completamento dell’Atlante dei cammini – non sembra avere dubbi: il 2019 sarà il momento giusto per potersi godere un viaggio con lentezza, prendendosi tutto il tempo per poter assaporare le atmosfere, cogliere le sfumature del paesaggio, godere la bellezza dei luoghi che si visitano con tutti i sensi.

Sardegna, il turismo alla scoperta della camminata degli olivi

Domenica 29 ottobre in Sardegna è in programma la giornata nazionale della Camminata degli olivi: nove percorsi diversi che attraverseranno alcuni dei più gradevoli paesaggi dedicati alla storia e alla cultura dell’oro verde, a Berchidda, Bosa, Escolca, Giba, Ittiri, Riola Sardo, Santadi, Uri e Usini. Nove passeggiate di corto raggio, dai 2 ai 5 chilometri, dedicate prevalentemente a famiglie e a appassionati, che hanno come comune denominatore la conclusione in un frantoio, in un’azienda olivicola o in un palazzo storico dove ai partecipanti verrà offerta una degustazione.

Roma, il piano bus non piace agli operatori turistici

Durante una recente conferenza stampa degli albergatori e degli operatori turistici romani, è emersa una profonda insoddisfazione nei confronti del “piano bus” capitolino, che provocherebbe impatti negativi sul settore, tanto da spingere i principali rappresentanti del comparto a minacciare di scendere in piazza se non accadranno ulteriori novità.

nozze

Dove sposarsi in Sicilia?

Non diciamo nulla di nuovo quando diciamo che la Sicilia ha nel turismo una grandissima risorsa per il territorio. Se le località sicule risultano perfette per una vacanza di piacere è anche vero che possono rappresentare uno scenario perfetto per le vostre nozze, paesaggi mozzafiato che un bravo fotografo di matrimoni saprà valorizzare al meglio. In questo articolo vedremo qualche spunto per il vostro matrimonio siciliano.

Turismo, Veneto tra le migliori regioni d’Europa

Continuano a scorrere le positive statistiche sul turismo del Veneto, una delle aree italiane più gettonate dai turisti nazionali e internazionali e, probabilmente, anche una delle aree che nel corso dei prossimi anni sembra essere candidata per poter mostrare le migliori opportunità di business.

Turismo eno-gastronomico, numeri ancora in crescita in Trentino Alto Adige

Il turismo eno-gastronomico? In Trentino Alto Adige (ma non solo qui) continua a crescere con ottimi numeri, tanto che a dieci anni di distanza dalle prime iniziative turistiche legate a questo comparto turistico, i vini e i prodotti alimentari locali, tipici della tradizione dell’area, sono sempre di più grandi protagonisti dell’industria delle vacanze trentine.

Come ricorda il quotidiano Il Sole 24 Ore in un suo recente approfondimento, però, la svolta sembra essere iniziata nel corso del 2013, quando venne completato il processo di unificazione delle sette Strade del vino e dei sapori in un’unica associazione, sotto la regia di Trentino Marketing.

Oggi la Strada nata dalla fusione delle precedenti associazioni può vantare un finanziamento pubblico da parte della provincia autonoma che può coprire il 25% delle spese per le politiche di promozione, ed è operativa sul 70% del territorio, presentandosi al mercato nazionale e internazionale con offerte strutturate e di qualità. La base di partenza, peraltro, è notevole: 8,8 milioni di presenze, delle quali più di 3,3 milioni sono straniere.

Peraltro, se la base di partenza in termini numerici è di rilievo, lo stesso si può certamente dire per quanto concerne le prospettive, grazie anche alla rete di 370 aziende aderenti tra cantine, birrifici, produttori gastronomici, ristoranti, alberghi, e così via. Si tenga conto, in tal proposito, come le cantine che risultano essere associate siano ben 90, rappresentative della maggioranza elle 140 cantine presenti sul territorio, e come tra di esse siano presenti la Cavit di Ravina di Trento, che produce 60 milioni di bottiglie all’anno, per l’80 per cento destinate alle esportazioni, con un fatturato di circa 178 milioni di euro. Tra gli altri colossi c’è anche il noto gruppo Mezzacorona, in grado di associare 1.600 viticoltori per un totale di 2.800 ettari, con un bilancio 2016 chiusosi con ricavi superiori ai 163 milioni di euro.

Insomma, numeri di rilievo, soprattutto se si tiene conto che quelli preannunciati sono una piccola parte dello straordinario patrimonio enogastronomico che il Trentino Alto Adige può vantare e può ben presentare non solamente nella stagione estiva, quando si raggiunge il picco turistico, quanto anche nelle altre stagioni, ideali per poter scoprire o riscoprire, al di fuori dei principali e più frequentati flussi, le bellezze alimentari (e non solo) che la regione può offrire ai suoi turisti italiani e internazionali.

About The Author

Reply