Kazakistan: cosa vedere e cosa fare

Il Kazakistan è una terra di steppe e montagne innevate, di città antiche e metropoli moderne. È un Paese di contrasti, dove l’Oriente incontra l’Occidente e il passato incontra il presente. Dalla vibrante capitale Almaty alla splendida città lacustre di Burabay, il Kazakistan ha qualcosa da offrire a tutti. Quindi cosa state aspettando? Iniziate a pianificare il vostro viaggio oggi stesso!

Cosa vedere in Egitto?

Se volete fare il pieno di cultura e storia durante il vostro soggiorno in Egitto, ecco cinque luoghi da visitare assolutamente.

Cosa vedere in Algeria?

L’Algeria è un Paese situato in Nord Africa. Ha una popolazione di oltre 33 milioni di abitanti e si estende per 9.543 chilometri. Ci sono molte attrazioni da vedere in Algeria, tra cui la capitale Algeri e i suoi quartieri storici come la Casbah, la medina di Fes e la città turistica di El Harrach.

Cosa vedere a Porto?

Siete alla ricerca di una meta per le vacanze di quest’estate? Andate a Porto, in Portogallo! Con le sue verdi colline e i suoi villaggi pittoreschi, Porto è un luogo meraviglioso per trascorrere le vacanze estive. Ecco solo alcune delle cose che potrete vedere e fare a Porto: – Esplorare le tranquille stradine della città, piene di chiese e palazzi secolari. – Passeggiate lungo il fiume o andate a pescare in uno dei numerosi canali della città. – Visitate alcuni dei rinomati musei della città, come il Museo di Arte Contemporanea o il Monastero dei Jerónimos. – E infine, ma

Cosa vedere a Zagabria?

Zagabria è la capitale della Croazia ed è anche una città con una lunga e ricca storia. Se avete intenzione di visitare Zagabria, non potete non visitare alcune di queste famose attrazioni turistiche!

Cosa vedere a Torino in un giorno

Torino è una bellissima città con tanto da offrire ai turisti. Vediamo alcune delle principali attrazioni che puoi visitare se hai un solo giorno!

Viaggi di lavoro, meeting e riunioni sono di nuovo in crescita

L’industria dei meeting e degli eventi si sta preparando per un ritorno tanto necessario e prima di quanto molti si aspettassero. I risultati del 2022 Global Meetings and Events Forecast, l’11° rapporto annuale prodotto da American Express Meetings & Events, una divisione di American Express Global Business Travel (GBT), sono infatti stati molto positivi. “Sebbene siamo tutti ansiosi di vedere la domanda repressa di meeting ed eventi pienamente realizzata, riconosciamo che la ripresa non sarà una linea retta e non possiamo arrivarci semplicemente ripetendo ciò che abbiamo fatto in passato“, ha detto Gerardo Tejado, vicepresidente senior di GBT per lo

Quali sono gli hotel più antichi d’Europa?

Gli hotel esistono da sempre, ma qual è l’origine nella storia di questo settore centrale dell’industria del turismo? Anche se potrebbe essere una sorpresa per molti, i tre hotel più antichi del mondo si trovano tutti in Giappone e sono in funzione da centinaia di anni. Sebbene il Giappone possa vantare questo record molto interessante, il vero campione delle strutture ricettive storiche è l’Europa, che dispone di una grande varietà di vecchi alberghi. Ecco i 10 più antichi!

Cosa vedere a Dortmund

Quando si tratta di Dortmund, l’elenco delle cose da vedere è davvero molto ampio, soprattutto se questa è la tua prima visita in città. Per esempio, la città ospita la Cattedrale di Santa Maria, l’unica chiesa cattolica nel centro dell’area urbana. La costruzione è iniziata qui nel 1354 dai monaci dominicani e la cattedrale ha sopportato molte distruzioni. Nel corso dei secoli, l’edificio è stato rinnovato e arredato, e fu creata una guglia colorata nel XVIII secolo. L’interno della Chiesa era in gran parte restaurato e ristrutturato negli ultimi decenni, con una guglia aggiunta negli ultimi 20 anni.

Vivere alle Seychelles: quante tasse si pagano?

Le Seychelles sono state a lungo riconosciute come uno dei paradisi fiscali più popolari al mondo, in particolare in termini di utilizzo di società offshore a basso costo. Ma è ancora così? Le Seychelles sono effettivamente vantaggiose a causa dell’assenza di molte tasse. In particolare, non c’è tassa sulle plusvalenze, imposta sulle donazioni o sulle successioni, sistema di tassazione territoriale. Il sistema territoriale significa semplicemente che solo il reddito di origine locale è tassato. Si noti che il sistema territoriale è diverso dalla base di rimessa perché sotto la base territoriale i redditi e i guadagni d’oltremare sono esenti da

4 cose imperdibili da vedere a Innsbruck

Innsbruck si trova nell’ampia valle dell’Inn, all’incrocio di due importanti vie di comunicazione tra la Germania e l’Italia e tra Vienna e la Svizzera. Tra le mete turistiche più popolari dell’Austria durante tutto l’anno, Innsbruck ha mantenuto il suo centro storico medievale con le sue strade strette e tortuose e le sue case alte in stile tardo gotico, donando ai visitatori un piacevole panorama. La maggior parte delle sue popolari attrazioni sono raggruppate vicino al centro storico, le cui affascinanti stradine strette offrono ai turisti un sacco di cose da vedere e da fare.

Insomma, ovunque vi troviate, godrete di una splendida vista sull’enorme anello di montagne che vi circonda. A nord si ergono le cime frastagliate della Nordkette (catena del nord), nella catena del Karwendel; a sud, sopra la cresta boscosa del Bergisel, si trovano la Saile di 2.403 metri e il gruppo dei Serles; a sud-est, sopra Lanser Köpfe, si trova la cima rotonda del Patscherkofel di 2.247 metri, popolare tra gli sciatori. Gli impianti sportivi costruiti per i Giochi Olimpici Invernali del 1964 e 1976 attirano ancora oggi folle di sciatori e sono teatro ogni anno di gare nazionali e internazionali.

Detto ciò, il nostro suggerimento è quello di dirigervi verso la spettacolare chiesa di corte di Innsbruck, la Hofkirche, completata nel 1563 in stile tardogotico. Questa chiesa a tre navate, con il suo stretto coro e il campanile decentrato, conserva molti elementi interni di rilievo, in particolare l’altare maggiore e gli altari laterali del XVIII secolo e un paravento del XVII secolo. La parte più importante della chiesa, tuttavia, è la spettacolare Tomba e Museo dell’Imperatore Massimiliano I. Costruita nel XVI secolo, è considerata la più bella opera della scultura rinascimentale tedesca. Concepito come una glorificazione del Sacro Romano Impero, la caratteristica centrale del monumento è il suo massiccio sarcofago in marmo nero con una figura in bronzo dell’imperatore del 1584, circondato da uno schermo in ferro battuto e 24 rilievi in marmo raffiguranti eventi della vita dell’imperatore. Degni di nota sono anche le 28 statue in bronzo degli antenati e dei contemporanei dell’imperatore, tra cui quelle del conte Albrecht IV d’Asburgo e del re Artù d’Inghilterra, quest’ultimo considerato la più bella statua di cavaliere dell’arte rinascimentale.

Quindi, andate verso il porticato Herzog-Friedrich-Strasse, fiancheggiato da belle case, che entra nel centro storico da sud e si dirige direttamente verso il famoso Goldenes Dachl. Questa magnifica finestra a bovindo tardogotico, coperta da tegole di rame dorato, fu costruita nel 1496 per commemorare il matrimonio di Massimiliano I con Bianca Maria Sforza e serviva come scatola da cui la corte assisteva ai festeggiamenti civici nella piazza sottostante. Composta da 2.657 tegole di rame dorato, la balaustra inferiore del Tetto d’Oro è riccamente decorata con stemmi, mentre il balcone aperto soprastante presenta dieci rilievi figurali. La casa dietro, il Neuer Hof, era un antico palazzo ducale ricostruito nel 1822.

Altro punto di attrazione imperdibile è l’antico palazzo di corte di Innsbruck, Hofburg – un’antica residenza imperiale costruita originariamente nel XV e XVI secolo – ristrutturata in stile barocco e rococò nel XVIII secolo per ordine dell’imperatrice Maria Teresa. La visita guidata (disponibile in inglese), comprende i suoi lussuosi appartamenti con soffitti finemente dipinti. Particolarmente memorabile è la Sala delle Giganti (Riesensaal), una grande sala in marmo lucido e decorata in bianco e oro, con tre grandi affreschi del 1775 e bei ritratti della famiglia imperiale. Altri punti di forza sono le Stanze di Maria Teresa, l’Appartamento dell’imperatrice Elisabetta, la Galleria Ancestrale, il Museo del mobile e la Pinacoteca.

Puntate poi la bussola sul Centro Storico di Innsbruck. Il quartiere semicircolare del centro storico, racchiuso da un anello di strade noto come il Graben (fossato), è oggi un’area pedonale dove è possibile passeggiare attraverso 800 anni di storia. Il centro storico di Innsbruck, con i suoi stretti frontoni, le belle porte, le finestre a bovindo, le case medievali a contrafforti e le facciate con portici, è ricco di esempi di architettura tirolese antica e di influenze meridionali, oltre a sontuosi edifici rinascimentali, barocchi e rococò. Tra i punti salienti di un tour a piedi si trova il bellissimo Helblinghaus, noto per la sua splendida facciata in stucco con putti e altri ornamenti decorativi. Nelle vicinanze si trova l’aquila reale del XVI secolo (Goldener Adler), un’antica locanda un tempo molto amata dagli imperatori come lo era da scrittori come Goethe. Merita una visita anche la Stadtturm, una torre di guardia alta 57 metri, costruita nel XIV secolo, con l’adiacente Old Rathaus che offre una splendida vista sulla città vecchia. Altri punti di riferimento interessanti sono l’Ottoburg, una torre residenziale costruita nel 1494, la Deutschordenshaus (Casa dell’Ordine Teutonico) costruita nel 1532 e la Burgriesenhaus (Casa del Gigante del Castello), costruita nel 1490 per un gigante di corte.

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi