Miami, boom di turisti

Il Greater Miami Convention & Visitors Bureau ha annunciato un dato record: ben 16 milioni di visitatori pernottanti sono stati accolti dalle strutture della città statunitense di destinazione tra il mese di settembre 2017 e quello di agosto 2018. La cifra rappresenta un aumento dell’uno per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e probabilmente sarebbe stata rivista decisamente al rialzo se non ci fossero state le conseguenze devastanti dell’uragano Irma. L’aumento dei visitatori che hanno soggiornato almeno una notte nella città americana ha portato ad un record di 26,5 miliardi di dollari nella loro spesa, con un aumento del

Spagna, calo del turismo in Catalogna

Gli hotel spagnoli hanno registrato 37,8 milioni di pernottamenti lo scorso mese di settembre, lo 0,4% in meno rispetto allo stesso mese del 2017, secondo i dati diffusi dall’Istituto Nazionale di Statistica (INE). Questo calo si spiega con la diminuzione dello 0,8% dei pernottamenti degli stranieri, mentre quelli dei domestici sono aumentati dello 0,5% rispetto al settembre 2017. Nel caso della Catalogna, il numero di visitatori provenienti dal resto della Spagna è diminuito del 5% a settembre, con una battuta d’arresto di quattro mesi per la comunità autonoma. In questo modo, pari al 13,3% del totale dei pernottamenti, la Catalogna

Viaggi nel 2019, tra la Polonia e la Thailandia!

Cosa hanno in comune la Polonia e la Thailandia? Forse nulla, tranne un unico elemento: quello di essere un punto di riferimento nelle nuove destinazioni del turismo mondiale (la prima) e nelle consolidate mete vacanziere (la seconda). Dunque, perché non mettere nel mirino queste due nazioni per poter organizzare un bel viaggio in giro per l’Europa o per il mondo il prossimo anno? Cominciamo dalla Polonia. Si tratta di un Paese davvero fantastico, dove potrai trovare la tipica energia giovanile di un mercato in fase di sviluppo sotto il profilo turistico. Se poi sei indeciso su dove soggiornare,a  Varsavia, la

Viaggio alla scoperta di Mérida, in Messico

Ti piacerebbe praticare dello Yoga all’alba, sulle rive di un fiume sacro per i Maya? Forse si e… questa è solo una delle magiche meraviglie che potrai scoprire con il Chable Resort, un resort realizzato in una hacienda convertita 250 anni fa, appena fuori Merida, in Messico. Ma il Chable Resort è più di un semplice rifugio di benessere con una spa di livello mondiale. Incorpora infatti le tradizioni indigene Maya e la guarigione con specifici trattamenti antichi, come un temezcal sotto l’occhio attento del Résident Abuela Ak’bal, un leader spirituale della zona. Dopo una connessione tra mente, corpo e

Dalla Colombia alla Slovenia, tante mete per il tuo prossimo viaggio 2019

Cos’hanno in comune la Colombia e la Slovenia? Poco o, probabilmente, nulla. Tuttavia, si tratta di due destinazioni che abbiamo scelto al fine di solleticare la tua voglia di far le valigie e partire alla volta di alcune delle mete più prelibate e apprezzate del prossimo anno. Iniziamo da Cartagena, in Colombia. Cartagena è un vero e proprio tripudio di colori, di cucina e di cultura. Ma dove alloggiare? Le opportunità sono tante, ma Casa San Agustin, situata al centro dell’azione all’interno delle mura della città, è sicuramente una delle scelte che ti consigliamo di valutare con la maggiore attenzione

Turismo internazionale, crescita del 6% nella prima metà del 2018

Stando a quanto afferma l’ultimo barometro dell’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite, gli arrivi turistici internazionali sono cresciuti del 6 per cento nei primi sei mesi del 2018, dopo un anno record di crescita, il 2017. Sempre secondo il barometro, tutte le regioni del mondo avrebbero registrato una forte crescita degli arrivi turistici nel periodo gennaio-giugno 2018, con l’aumento che è stato alimentato da una forte domanda proveniente dai principali mercati di origine, sostenuta da una ripresa dell’economia globale. “La pubblicazione dei dati sul turismo internazionale per la prima metà del 2018 è un’ulteriore prova della capacità di ripresa

Singapore Airlines pronta ad accogliere il primo A350-900 ultra-long-range

Airbus ha consegnato il primo aeromobile a lungo raggio A350-900 per il proprio cliente Singapore Airlines. L’aereo è in preparazione per il suo primo volo, e partirà da Tolosa per Singapore. Ricordiamo che l’ultima variante della A350 XWB più venduta è in grado di volare più a lungo di qualsiasi altro velivolo, con un’autonomia fino a 9.700 miglia nautiche (oltre 20 ore senza interruzioni). Complessivamente, Singapore Airlines ha ordinato sette aeromobili A350-900 ultra-long-range, configurati in un layout a due classi, con 67 posti in classe business e 94 posti in classe economica premium. Singapore Airlines inizierà a gestire l’A350-900 ultra-long-range

Etihad Airways sbarca con il suo A380 alle Maldive

Importanti novità nei servizi di Etihad Airways per le Maldive. La società ha infatti compiuto tappa in una delle mete turistiche più ambite del mondo con il suo A380, celebrando in tal modo la nuova pista di Malé. Etihad Airways ha dunque segnato l’apertura della nuova pista all’aeroporto internazionale di Velana nelle Maldive, operando con uno dei suoi aerei Airbus A380 nella nazione insulare. La nuova pista è lunga 3.400 metri e larga 60 metri, ed è la prima delle Maldive in grado di supportare un A380. L’operazione speciale di Etihad è stata pilotata dal primo ufficiale, Ali Ahuson, originario

Cristiano Ronaldo guarda a Parigi per il suo prossimo hotel

La superstar del calcio Cristiano Ronaldo, approdato alla Juventus quest’anno, dovrebbe aprire il sesto hotel della sua catena alberghiera lifestyle “CR7” a Parigi nel 2021. A rivelarlo è il magazine Goal.com, secondo cui la co-venture da $ 70 milioni con il gruppo alberghiero portoghese Pestana culminerà con una proprietà di 210 camere situata sulla riva sinistra del lato sud della Senna, a Parigi. “È perfettamente logico che il marchio Pestana CR7 venga implementato a Parigi”, ha affermato Ronaldo tramite il Daily Times. “Una delle città più visitate al mondo e una destinazione che combina il perfetto connubio tra eleganza e

Il turismo iraniano perde collegamenti aerei

Le compagnie aeree europee stanno gradualmente cancellando i voli diretti per l’Iran, ponendo così le basi per un possibile duro colpo per il turismo del Paese. Insomma, a quanto pare i tempi sono davvero difficili per l’Iran. Con il ritorno delle sanzioni economiche dagli Stati Uniti, il turismo, e in particolare il trasporto aereo, sta soffrendo in misura crescente. Di recente, British Airways ha ad esempio annunciato la sua decisione di sospendere i suoi voli tra Londra e Teheran dal prossimo 23 settembre. Secondo la compagnia britannica, questa rotta non è commercialmente valida a causa delle sanzioni statunitensi. Anche Air

Turismo in Italia, cresce l’interesse degli stranieri

Le recenti festività di fine anno hanno ribadito un elemento ben consolidato: l’Italia conferma il suo crescente appeal sul fronte del turismo internazionale, tanto che secondo uno studio Enit ben il 51 per cento degli operatori di settore stranieri ha incrementato il proprio trend delle vendite con destinazione Italia nelle festività natalizie 2017 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre un altro 39,3% ha dichiarato che le vendite sono state stabili (solamente il 9,7% ha dichiarato di aver registrato una leggera flessione).

Oltre a ciò, sono sicuramente soddisfacenti i dati relativi all’andamento del turismo organizzato in Italia relativo a tutto il 2018: dall’Australia arriva in dote un incremento del +25% sul 2017, che diventa tra il 10% e il 20% per il Brasile, del 13 / 15% per la Spagna, del 10% per il Regno Unito e per il 5 / 6% per la Svizzera.

Si prospetta così – afferma Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo di Enit – “un quadro nettamente positivo che denota sia una crescita dei mercati consolidati (per esempio Francia, Germania, Gb, Usa che, soprattutto, dei Paesi di lungo raggio, come Australia, Giappone, Brasile. A questo punto occorre mettere a sistema il patrimonio informativo di Enit, per calibrare un’offerta sempre più incisiva, che sfrutti sia i canali tradizionali sia l’online, in crescita esponenziale. La leva della commercializzazione rivestirà una posizione sempre più strategica all’interno del settore turismo in Italia”.

Per quanto poi riguarda un’analisi territoriale, compiuta dividendo in macro aree i tour operator oggetto del campione, è risultato che il 45,1% degli operatori europei ha segnalato un incremento delle vendite nel periodo natalizio 2017, mentre la percentuale sale al 59,8% se vengono considerati i Paesi d’oltreoceano.

Di contro, si invertono le proporzioni per le risposte che hanno previsto una “stabilità”: il 49% in Europa e il 24,6% in area extra Europa. Infine, i dati Enit sottolineano come sia superiore rispetto ai tour operator europei la quota degli operatori d’oltreoceano che ha stimato una contrazione (15,6% contro il 5,8% in Europa).

Bene poi l’incremento della domanda turistica, con le presenze tra gennaio e settembre 2017 in aumento del 4,5% su identico periodo 2016 e della spesa degli stranieri in Italia, tra gennaio e settembre 2017 +7% su 2016.

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi