Viaggi di lavoro, meeting e riunioni sono di nuovo in crescita

L’industria dei meeting e degli eventi si sta preparando per un ritorno tanto necessario e prima di quanto molti si aspettassero. I risultati del 2022 Global Meetings and Events Forecast, l’11° rapporto annuale prodotto da American Express Meetings & Events, una divisione di American Express Global Business Travel (GBT), sono infatti stati molto positivi. “Sebbene siamo tutti ansiosi di vedere la domanda repressa di meeting ed eventi pienamente realizzata, riconosciamo che la ripresa non sarà una linea retta e non possiamo arrivarci semplicemente ripetendo ciò che abbiamo fatto in passato“, ha detto Gerardo Tejado, vicepresidente senior di GBT per lo

Turismo spaziale, cresce il numero degli interessati

Il turismo spaziale è pronto per il decollo? Diverse ricerche stanno mostrando che c’è un certo interesse per i viaggi nello spazio, anchese i prezzi proibitivi rendono le esperienze spaziali al di là delle “tasche” della maggior parte dei viaggiatori. Tuttavia, una cosa è certa: la corsa allo spazio tra VirginGalactic, SpaceX e Blue Origins ha sicuramente aumentato l’interesse, come ha dimostrato una nuova ricerca di ValuePenguin. Un recente sondaggio condotto dall’operatore su più di 2.000 cittadini statunitensi ha infatti indicato che quasi la metà vuole viaggiare nello spazio. Tuttavia, solo il 19 per cento sono disposti a sborsare il

Turismo, quali destinazioni sono state maggiormente penalizzate dal COVID-19

I danni economici inflitti all’industria globale dei viaggi dalla pandemia COVID-19 sono difficili da quantificare completamente, ma è giusto dire che hanno toccato ogni singolo operatore coinvolto nel settore. Sappiamo tutti che le compagnie aeree, le linee di crociera, le compagnie alberghiere e le società di ospitalità hanno subito colpi massicci e tagliato le spese ovunque potessero per rimanere a galla. Ma che dire di intere nazioni che dipendono dal turismo per alimentare le loro economie, mantenere i loro cittadini impiegati e finanziare i programmi governativi?

Viaggiare in Cile si può? Restrizioni e riaperture

Il Cile ha annunciato che inizierà ad accettare turisti stranieri con severi requisiti d’ingresso a partire dal 1° ottobre, dopo più di un anno e mezzo di frontiere chiuse. Il Paese permetterà solo i turisti completamente vaccinati per via aerea attraverso gli aeroporti di Santiago, Iquique e Antofagasta. I viaggiatori devono soddisfare i requisiti di ingresso del paese per essere ammessi.

Puerto Escondido, tra surf e spiagge bellissime

Puerto Escondido è oggi visitata da viaggiatori con ogni tipo di interesse. Ma ciò che ha messo la città sulla bussola di tantissime persone sono le incredibili condizioni per chi vuole fare surf. Infatti, la costa di Oaxaca, e Puerto Escondido in particolare, è una delle migliori destinazioni per il surf al mondo, e quindi non è una sorpresa che il surf sia una delle cose migliori da fare a Puerto Escondido. La gente del posto è praticamente nata con le tavole da surf sotto il braccio, e i surfisti di tutti i livelli hanno fatto il viaggio a Puerto

Kenya, una guida alla popolazione e alle tribù

Qualche settimana fa abbiamo parlato di alcune delle principali attrazioni del Kenya. Ma come è suddivisa la sua popolazione? Ebbene, la tribù più grande, i Kikuyu, con sede negli altipiani centrali, costituiscono circa il 20% della popolazione; i Kalenjin della Rift Valley il 15%; i Luhya del Kenya occidentale il 14%; i Luo della regione Nyanza intorno a Kisumu il 12%; e i Kamba a est di Nairobi l’11%. Molte persone di questi grandi gruppi etnici hanno avuto un orientamento largamente occidentalizzato per due o tre generazioni e la loro influenza economica e politica è notevole. Le tribù non sono

Kenya, i migliori luoghi da vedere

La costa e i principali parchi e riserve naturali sono i luoghi più ovvi e più gettonati da visitare. Dunque, se arrivi in Kenya con un tour organizzato, è probabile che il tuo tempo sia diviso tra queste due attrazioni. Nonostante l’impatto della pressione della popolazione umana, lo spettacolo della fauna selvatica del Kenya rimane un’esperienza irresistibile. I milioni di visitatori annuali sono facilmente assorbiti in un Paese così grande e nulla ti impedisce di sfuggire ai prevedibili ingorghi turistici: anche in un viaggio organizzato, non dovresti sentirti troppo legato. I grandi parchi nazionali e le riserve, irrigati da ruscelli

Il Real Alcázar di Siviglia

Individuato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, il Real Alcázar era originariamente la fortezza medievale dei governanti moreschi e poi dei re cristiani. Il palazzo fu costruito nel X secolo per i governanti moreschi. Nell’XI secolo, fu governato dal leggendario sovrano e poeta moresco al-Mutamid. Dopo la riconquista cristiana nel 1360, gli architetti moreschi crearono gli edifici in stile Mudéjar per il re Pedro il Crudele. La visita al Real Alcazar è certamente uno dei punti imperdibili nei propri tour a Siviglia. In particolare, i visitatori possono entrare nel palazzo attraverso la Puerta Principal, che conduce al Patio de las Doncellas. Questo

Philadelphia, 3 cose che devi assolutamente vedere

Philadelphia è una delle città storiche più importanti d’America. A Independence Hall, il 4 luglio 1776, qui fu adottata la Dichiarazione d’Indipendenza. Nel settembre 1787 è sempre qui che fu redatta la Costituzione. Un secolo prima, William Penn, un importante quacchero e omonimo della Pennsylvania, fu un catalizzatore dei cambiamenti che trasformarono queste colonie britanniche in una nazione indipendente. Oggi, le moderne torri di uffici coesistono con le strette strade acciottolate dell’Independence Historic National Park, che ospita edifici e luoghi storici, tra cui la Campana della Libertà, Franklin Court e Independence Hall. A sud si trova Society Hill, la zona

Mombasa, viaggio a Fort Jesus

Mombasa, la seconda città più grande del Kenya dopo Nairobi, offre ai viaggiatori un assaggio esotico dei tropici africani, immerso in secoli di storia marinara. Questo centro turistico cosmopolita è in realtà un’isola collegata da ponti e traghetti alla costa keniota. Estendendosi per miglia lungo la terraferma a nord e a sud, le località balneari di Mombasa presiedono a spiagge ricoperte di palme e orlate da scintillanti barriere coralline. I turisti europei e non solo accorrono qui per godersi le molte cose da fare, dalle gite per avvistare i delfini sui tradizionali dhow e la pesca d’altura alle immersioni e

Viaggiare in Turchia, un turismo sempre più raro

La lunga stagione degli attentati in Turchia sta nuocendo gravemente al business turistico di una delle macro aree di maggiore spessore culturale nell’area mediterranea che guarda a Oriente. Secondo i dati diffusi dall’Istituto nazionale di statistica turco, infatti, nel corso del terzo trimestre 2016 il settore avrebbe dato seguito a un crollo del 32,7% rispetto a quanto avveniva nello stesso periodo dell’anno precedente. E considerato ciò che è accaduto nei mesi successivi, fino ad arrivare ai giorni nostri, c’è da scommettere che in realtà il nuovo anno potrà garantire numeri ancora più deludenti.

Insomma – e non è certo una sorpresa – il clima di grandissima tensione indotto dagli attacchi terroristici si rivela come un modo molto semplice (e drammatico) per poter danneggiare l’economia. Colpire il turismo significa infatti generare una perdita stimata, per la Turchia, in oltre 8 miliardi di dollari. Per quanto concerne le entrate da marzo a giugno, continuano le statistiche fornite dalla Turchia, il settore è sceso del 13,8%. Insomma, un disastro per l’economia turca, in cui il settore continua a giocare un ruolo di grande rilievo.

Scendendo ancora più nel dettaglio, si noti come per la sola città di Ankara, una delle più visitate a gettonate, si tratti di una crisi gravissima, in un mercato che nel solo 2015 ha raggiunto il valore di 31,5 miliardi di dollari. Il mese di settembre (l’ultimo al quale è possibile riferire una statistica ufficiale) ha visto un crollo del numero di turisti che ha superato il 30%: un flusso nel quale si è manifestata una chiara emorragia di turisti tdeschi, britannici, arabi, con la contrazione più grave che ha riguardato gli arrivi dalla Russia, scesi del 60%.

E per il futuro? Purtroppo gli avvenimenti con i quali si è aperto l’anno non sembrano poter fornire un giusto supporto al turismo turco che, pertanto, potrebbe subire ancora una volta tutti gli effetti più negativi di questo fortissimo clima di tensione. Uno scenario in corso di deterioramento, che potrebbe generare altri miliardi di dollari di perdita al prodotto interno lordo nazionale.

Tags:

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi