Come si vive a Gibilterra

Gibilterra è uno dei paradisi fiscali europei meglio consolidati. È un territorio autonomo ma dipendente dal Regno Unito ed è popolare proprio tra i ricchi espatriati britannici perché è relativamente facile da raggiungere. Ha inoltre un bel clima mediterraneo e il tasso di criminalità è molto basso. Il lato negativo è che è molto densamente popolata (meno di sei chilometri quadrati di superficie, ma una popolazione di oltre 30.000 gibraltari). Gibilterra è un paradiso “a bassa tassazione” piuttosto che un paradiso “senza tasse”. Non c’è imposta sui guadagni di capitale, sull’eredità o sull’IVA ma c’è l’imposta sul reddito… e può

Isole Cook, cosa sono e come si vive

Le Isole Cook sono uno dei paradisi fiscali meno conosciuti. Estremamente isolate geograficamente, situate a metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, ha una popolazione di soli 21.000 abitanti. Qui non esiste un’imposta sulle plusvalenze, un’imposta di successione o una tassa sul patrimonio. Tuttavia, non è un paradiso fiscale nullo. L’imposta sul reddito è dovuta da coloro che risiedono e lavorano sulle isole ed è riscossa su una scala progressiva con tassi del 17% e del 30%.

Vivere alle Isole Vergini Britanniche: quante tasse si pagano e come comprare casa

Le Isole Vergini Britanniche sono uno dei paradisi fiscali più famosi al mondo, grazie al fatto di essere presenti in numerosi romanzi e film. Qui si trova anche la Necker Island di Richard Branson. Nelle Isole Vergini Britanniche, d’altronde, non c’è Tassa sulle plusvalenze, Imposta sul reddito, Imposta sulle società, Imposta di successione, Imposta sulle vendite, Imposta sulle donazioni e Imposta sui profitti.

Bahamas: come si vive e quanto si spende

Le Bahamas sono composte da circa 700 isole e 2.500 baie sparse nell’Oceano Atlantico. Solo alcune di queste isole sono effettivamente abitate. Le Bahamas sono uno dei principali paradisi fiscali dei Caraibi e, come Anguilla, sono un paradiso fiscale nullo.

Dov’è l’isola di Anguilla, come si vive e quante tasse si pagano

La maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare di Anguilla. È un territorio britannico d’oltremare nel nord-est dei Caraibi, di piccolissime dimensioni. Se le spiagge sono la tua passione, questo posto sarà proprio tra i tuoi desideri: ne ha più di 30, pur in un territorio molto ristretto. E, come ti aspetteresti è piuttosto caldo, con scarse precipitazioni.

1 holiday-2880261_960_7

I migliori viaggi su strada in Europa

I viaggi su strada sono molto popolari tra tutti i turisti più avventurosi che desiderano godere della sensazione di libertà, amano essere in movimento e preferiscono le viste uniche del tramonto. Cerchiamo di conoscere i migliori viaggi on the road in Europa!

Uzbekistan: 7 perle da visitare nel Paese

L’Uzbekistan non è solo popolare per le sue antiche città di Samarcanda, Bukhara e Khiva, ma anche per destinazioni completamente sconosciute che i turisti scoprono. Non si tratta solo di luoghi storici, ma anche di oggetti naturali e culturali unici del nuovo tempo, che attirano l’attenzione dei viaggiatori di tutto il mondo. In questo contesto, Tourism-review presenta le 7 migliori destinazioni turistiche poco conosciute in Uzbekistan. Karakalpakstan Il Karakalpakstan, che occupa quasi un terzo dell’intero territorio dell’Uzbekistan, ha un’offerta molto attraente per una grande varietà di turisti. Uno dei principali centri di attrazione per i viaggiatori nella regione è il

Turismo greco a rischio a causa del cambiamento climatico

Il sole cocente, le spiagge spettacolari, lo stile di vita mediterraneo e il cibo meraviglioso. Per queste e molte altre ragioni, milioni di persone viaggiano in Grecia ogni anno. Il Paese è stato costantemente una delle destinazioni estive più popolari d’Europa fin dagli anni ’50 e, con quasi 15.000 chilometri di costa, la Grecia ha opzioni per tutti i gusti e per tutte le tasche, sia che ti piaccia una spiaggia più riservata e selvaggia sia che tu stia cercando un posto affollato e alla moda dove ballare tutta la notte. Eppure, questo paradiso mediterraneo potrebbe non esistere ancora per

Viaggiare in Vietnam nel 2022

La riapertura delle frontiere e l’allentamento delle restrizioni sanitarie stanno influenzando i mercati dei viaggi in Asia. In Vietnam, una riunione con vari ministri del governo ha ad esempio deciso di dar seguito alla riapertura delle frontiere il 15 marzo 2022. Il ministro del turismo ha spiegato che l’industria del turismo è stata gravemente colpita, ed è stato altresì presentato un protocollo sanitario per la ripresa dei viaggi in Vietnam. Insomma, sono finiti i tempi in cui le destinazioni si congratulavano per i tassi di crescita record. Nel 2020, Covid ha chiuso le frontiere e con esse le ambizioni turistiche

Cosa fare e vedere a Toronto

Toronto, la capitale della provincia canadese dell’Ontario, è la città più grande del Canada e una tappa obbligata per chiunque viaggi nel Paese nordamericano. Tra le attrazioni ci sono l’iconica torre CN, l’Humber Bay Arch Bridge e il Royal Ontario Museum. Toronto è anche un’ottima base per esplorare le vicine Cascate del Niagara. Oltre ai siti culturali da vedere di giorno, Toronto offre anche un’eccitante vita notturna con club, bar e casinò. Per chiunque stia pianificando un viaggio a Toronto, ecco cinque cose che pensiamo debbano essere in cima alla vostra lista di cose da fare mentre siete lì.

Uzbekistan: 7 perle da visitare nel Paese

L’Uzbekistan non è solo popolare per le sue antiche città di Samarcanda, Bukhara e Khiva, ma anche per destinazioni completamente sconosciute che i turisti scoprono. Non si tratta solo di luoghi storici, ma anche di oggetti naturali e culturali unici del nuovo tempo, che attirano l’attenzione dei viaggiatori di tutto il mondo. In questo contesto, Tourism-review presenta le 7 migliori destinazioni turistiche poco conosciute in Uzbekistan.

Karakalpakstan

Il Karakalpakstan, che occupa quasi un terzo dell’intero territorio dell’Uzbekistan, ha un’offerta molto attraente per una grande varietà di turisti. Uno dei principali centri di attrazione per i viaggiatori nella regione è il Museo Statale d’Arte intitolato a I. V. Savitsky a Nukus, dove è presentata la più grande collezione del Turkestan e del modernismo russo della prima metà del XX secolo.

Il Mare d’Aral prosciugato, che è diventato il simbolo di una catastrofe ambientale di livello mondiale, è diventato anche un’attrazione turistica. Il cimitero delle navi nell’ex porto di pesca di Muynak, con il suo paesaggio apocalittico, attira fotografi da tutto il mondo. Infine, da diversi anni, il festival di musica elettronica Element si tiene qui. Un’offerta ricca e variabile.

Parco naturale nazionale di Zaamin

Un’altra delle destinazioni meno conosciute dell’Uzbekistan è il Parco Nazionale Naturale Zaamin nella regione di Jizzakh. La superficie totale del parco, situato a due o tre ore da Tashkent, è di 26.840 ettari. Di questi, 8.770 ettari sono il territorio della Riserva Statale di Zaamin, creata nel 1968 sulla catena montuosa del Turkestan per preservare le foreste di ginepro uniche e la fauna selvatica.

La vegetazione di Zaamin merita un’attenzione speciale, per cui ha ricevuto il nome di “Svizzera uzbeka”. Circa 700 specie di piante uniche crescono sul territorio della riserva, 13 delle quali sono elencate nel Libro Rosso. Anche la fauna della riserva è varia, dagli orsi ai leopardi delle nevi.

Infine, a 2.000 metri sul livello del mare c’è un sanatorio dove ci sono tutte le condizioni necessarie per eseguire procedure climateriche e climaterapiche per persone con malattie respiratorie e malattie del sistema nervoso.

Shakhrisabz

Il famoso comandante Amir Timur è nato nel piccolo villaggio di Khoja-Ilgar vicino a Shakhrisabz nella regione di Kashkadarya. La storia della città risale al III secolo a.C., e nelle antiche cronache cinesi si menziona che l’antica città di Suse era situata in questo sito, il cui sovrano fu il primo a stabilire relazioni commerciali con la Cina. Più tardi, Shakhrisabz divenne la prima capitale dell’impero Timurid.

Oggi, il centro storico della città è incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Molti oggetti dell’epoca timuride vi sono stati conservati. Questi sono i resti del muro della fortezza costruita sotto Amir Timur, le rovine dell’antico palazzo Aksaray. Nelle vicinanze si trovano la moschea cattedrale Kok-Gumbaz, il complesso commemorativo Dorut-Tilovat, i mausolei di Dorus-Saodat, Shamsad-Din Kulyal, Gumbazi-Seyidan e molti altri.

Sarmishsay

La prossima destinazione poco conosciuta in Uzbekistan si trova nella regione di Navoi – il tratto di Sarmishsay con petroglifi dell’età della pietra. Secondo l’Accademia delle Scienze dell’Uzbekistan, nel Neolitico vi si stabilirono tribù di cacciatori e pescatori della cultura Keltaminar. La posizione comoda del tratto, la presenza di acqua dolce e di molti animali fecero di Sarmishsay un luogo per eseguire vari rituali.

I petroglifi di Sarmyshsay differiscono per età, stile e trama. Fondamentalmente, sono immagini di tori-tori, che appartengono all’età della pietra e del bronzo, così come immagini di cervi, capre nello stile animale, tipico dell’arte delle tribù scitiche. La dimensione del territorio della “galleria di petroglifi” di Sarmishsay è veramente enorme – 20 chilometri quadrati. Secondo le stime, più di 10 mila petroglifi si trovano qui.

Margilan

Se chiedete a qualsiasi uzbeko dove si può comprare un prodotto fatto di seta pura, vi dirà Margilan. Secondo una leggenda, il nome di questa destinazione uzbeka è associato ad Alessandro Magno, che la chiamò così in onore del piatto Murgenon, con cui fu accolto dalla gente del posto. La storia di Margilan, situata nel centro della Grande Via della Seta, risale al 2.-1. secolo a.C.

Margilan è famosa per le sue antiche tradizioni di produzione di tipi unici di tessuti di seta, creati sulla base dell’antica tecnica di “abrbandi”.

Ora ci sono tre fabbriche di seta a Margilan – Yodgorlik, Fayzulodin e Atlas. La fabbrica di Yodgorlik è particolarmente popolare tra i turisti. Per molti decenni, il metodo manuale di produrre antichi tessuti su antichi telai di legno per la filatura a mano è stato accuratamente conservato qui. Margilan ospita anche annualmente il festival internazionale della seta Atlas Bayrami, che mostra più di 300 tipi di atlanti e adras, tappeti, indumenti e altri prodotti.

Kokand

Kokand, una delle più antiche città dell’Asia centrale, è un’altra destinazione meno conosciuta dell’Uzbekistan. In passato era un punto importante sulla Grande Via della Seta, con il commercio, varie arti e mestieri (ceramica, intaglio del legno, ecc.) che si sono sviluppati nella città. Oggi è un importante centro di artigianato.

Alcune delle più belle attrazioni qui includono il magnifico palazzo dell’ultimo sovrano della Valle di Ferghana, Khudoyarkhan, la Moschea Jami, la Madrasah Norbut-Biya, il Mausoleo Madarikhan, la Madrasah dell’Emiro e la tomba di Dakhma-i-Shakhon. Il complesso del palazzo di Khudoyarkhan fu costruito nel 1871 nello stile tradizionale dell’architettura dell’Asia centrale e si distingue per la ricca decorazione esterna e interna, i motivi intagliati e dipinti in stile orientale.

Qarshi

Qarshi è la capitale della regione di Qashqadaryo e l’ultima destinazione meno conosciuta in Uzbekistan nella nostra lista. L’attrazione più interessante della città può essere considerata il ponte Qarshi, costruito nel 1583 in stile persiano. La costruzione fu avviata su iniziativa di Abdullah Khan II, che cercò di rendere l’insediamento attraente per le carovane commerciali. Da allora, il ponte è diventato uno dei simboli della città.

Ci sono molti altri monumenti storici a Qarshi. Questi includono il complesso commemorativo del famoso Profeta Muhammad Abu Ubayd ibn al-Jarrokh, l’unica madrasa e moschea per donne in Asia centrale, la moschea cattedrale Kok-Gumbaz, la madrasa Kilichboy, la madrasa Khuzha Abdulaziz e molti altri.

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi