Dove si trovano i miglior resort sciistici USA

Gli Stati Uniti hanno alcuni dei migliori report sciistici del mondo. Peraltro, la maggior parte delle stazioni sciistiche di classe mondiale si trova nell’ovest, ma se i tuoi piani di viaggio ti portano negli stati orientali, puoi ancora trovare posti fantastici per sciare e fare snowboard. In Occidente, le imponenti Montagne Rocciose e le catene montuose circostanti creano un vero e proprio parco giochi di piste coperte di neve, offrendo opportunità di sci per ogni livello di sciatore. Piste infinite e frequenti giornate di polvere rendono questa una destinazione da sogno per gli sciatori. Colorado e Utah hanno ciascuno una

Praga, dal Ponte Carlo alla Piazza Venceslao

Se ti trovi a Praga, non puoi non visitare il Ponte Carlo. Uno dei ponti antichi più riconoscibili in Europa, il magnifico Ponte Carlo (Karluv Most) vanta 32 punti di interesse lungo la sua campata di 621 metri, sui quali dovrai evidentemente soffermarti. Costruito nel 1357, il ponte è stato a lungo oggetto di una grande quantità di superstizioni, compreso il fatto che i costruttori che posero la prima pietra del ponte lo fecero il 9 luglio alle 5:31 esatte del mattino, con una precisa serie di numeri (135797531) che si credeva desse alla struttura una maggiore forza. Per un’ulteriore

Turismo in Spagna: prospettive nel 2021

Le spiagge in Spagna non saranno riaperte fino alla fine del 2020, poiché l’industria del turismo tornerà alla normalità solo dopo questo travagliato anno. Di fatti, la banca centrale spagnola ha spinto la ripresa economica ancora più in lontananza, prevedendo che la crisi del turismo continuerà ancora. Le prospettive desolanti hanno stimolato il sentimento anti-austerity in Spagna e nell’Unione Europea, ma ci si augura comunque che la Spagna possa cavarsela una volta che il virus sarà sconfitto e il pilastro della sua economia, il turismo, sarà ricostruito. I confini europei saranno infatti riaperti e, sebbene i turisti in Spagna per

Le 3 migliori citta della Florida

Individuare le migliori citta della Florida non e semplice, considerata la ricchezza di alternative che si hanno a disposizione. Tuttavia, una top 3 delle migliori realtà urbane del Paese non può certamente privarsi di citare Orlando, con parchi a tema come Walt Disney e Universal Studios che coprono grandi aree della città. Altre popolari attrazioni di Orlando includono SeaWorld e Discovery Cove, che permettono ai visitatori di avvicinarsi da vicino ad alcune delle più grandi star della zona: balene, delfini, mante e leoni marini. Ma sarebbe un peccato perdersi il bellissimo centro di Orlando. Tranquille strade alberate, negozi boutique, gallerie

Viaggio al Kennedy Space Center

Il Kennedy Space Center è una delle attrazioni più emozionanti, affascinanti ed educative della Florida. Situato sulla Space Coast del Paese americano, questo enorme complesso è il luogo in cui l’esplorazione spaziale ha fatto la storia e continua ancora oggi a stupire. Oggi è possibile vedere i razzi e lo Space Shuttle Atlantis, incontrare un astronauta e conoscere le missioni nello spazio. Il Kennedy Space Center Visitor Complex è suddiviso in zone di missione, ognuna delle quali presenta interessanti esposizioni e mostre interattive incentrate su temi specifici. I display sono progettati pensando a tutte le età, il che rende questa

La città di Sapporo

Anche se quando si parla del Giappone si finisce sempre con il parlare di Tokyo o Kyoto, o magari Osaka o Nara, è bene sottolineare che in realtà è Sapporo la migliore destinazione invernale del Giappone, nota per le sue numerose stazioni sciistiche e per il Sapporo Snow Festival all’inizio di febbraio. Il festival attira scultori di ghiaccio da tutto il Paese, che costruiscono imponenti castelli di ghiaccio e statue che di notte vengono illuminate con luci colorate. La notorietà di questo festival è talmente elevata che è molto probabile che tu ti sia imbattuto in qualche foto di alcune

Una breve guida a Arashiyama

Divertente e facile gita di un giorno partendo da Kyoto, Arashiyama è a mezz’ora di distanza dal centro della città ed è il rifugio perfetto per chi ha poco tempo a disposizione e non vuole allontanarsi troppo dal caos della metropoli. Sebbene sia considerato un quartiere di Kyoto, Arashiyama è riuscito a preservare il suo fascino rurale, grazie anche alla sua vegetazione lussureggiante e al fatto che si estende su una serie di colline. Una delle attrazioni più piacevoli per le famiglie è il Parco delle scimmie di Iwatayama. Anche se a 15 minuti a piedi dal centro di Arashiyama

La città storica di Nara

A non troppa distanza da Kyoto, da dove è possibile pianificare una bellissima gita di un giorno, si trova la bella città storica di Nara, raggiungibile autonomamente o, meglio ancora, data la sua posizione relativamente (per gli standard giapponesi) remota, prendendo in considerazione la possibilità di vedere la città come parte di un tour organizzato. Una volta arrivato, potrai ammirare il meglio dei templi e dei santuari della zona, nonché lo storico castello di Nijo. Sembra che non sia stato toccato dal tempo, i tanti bei vecchi edifici e le strade di Nara fanno di questa città uno dei luoghi

Visita agli Universal Studios giapponesi!

Una delle attrazioni più recenti della città di Osaka, ma che sta rapidamente diventando una delle cose più importanti da fare in questa meravigliosa città giapponese, è rappresentata dagli Universal Studios Japan, che sono anche uno dei siti più frequentati della città, attirando circa 10 milioni di visitatori ogni anno. Uno dei cinque parchi a tema Universal in tutto il mondo, quello situato nella località di Osaka offre una serie di ben noti franchising di cultura pop, insieme ad alcuni unici nel loro genere. Tra le recenti aggiunte vi è Hollywood Dream: The Ride, un divertente ottovolante che a volte

La moschea di Al-Azhar del Cairo

La moschea di Al-Azhar è il più bell’edificio dell’epoca fatimide del Cairo, ed è anche una delle prime moschee superstiti della città, completata nel 972 d.C.. È anche una delle più antiche università del mondo – il califfo El-Aziz le ha conferito lo status di università nel 988 d.C. (l’altra università in lizza per lo status di “più antica” è a Fes) e oggi, l’Università di Al-Azhar è ancora il principale centro teologico del mondo islamico. Insomma, si tratta di un luogo che per importanza culturale e religiosa merita certamente una visita obbligatoria nel proprio viaggio al Cairo. Per quanto

Luoghi da visitare in Sicilia: Trapani

Trapani è una bellissima città siciliana ribattezzata anche la “città del sale e della vela”. Già, perchè nel corso degli anni è riuscita ad attirare l’attenzione economica su di sè, soprattutto per il tipo di attività commerciale che offre: l’estrazione e il commercio del sale.

porto di trapaniLa sua posizione privilegiata sul mare, poi, l’ha sicuramente aiutata: il porto di Eryx (oggi ribattezzata Erice), infatti, era un ottimo sbocco commerciale. La città vive anche grazie alla pesca (soprattutto del tonno e della mattanza), all’estrazione del marmo e alle attività legate al turismo.

Oltre a ciò, Trapani è famosa anche per le sue bellissime spiagge: San Vito Lo Capo, ad esempio, è famoso per le sue acque cristalline, mentre potete soddisfare le vostre curiosità scoprendo centri artistici importanti quali ad esempio Segesta o Selinunte.

Vediamo, a questo proposito, cosa visitare a Trapani: ecco una guida utile, e soprattutto completa.

 

Trapani: cosa visitare

Appena giunti in città, vi consigliamo di visitare il Museo Pepoli. Anticamente, questa struttura, era un’ex convento dei Padri carmelitani ed è stato costruito su volere del Conte Agostino Pepoli. Al suo interno potete ammirare tutte le collezioni del nobile, a cui si sono aggiunte quelle provenienti da altre corporazioni religiose.

Nella stessa sede del Museo troverete anche il Santuario della Ss. Annunziata: al suo interno è riposta la statua della Madonna di Trapani.

Trapani Cattedrale di San LorenzoA livello architettonico, ed artistico, vi consigliamo di ammirare la bellezza e l’imponenza della Cattedrale di San Lorenzo: la sau costruzione risale al 1421, e fu fortemente voluta da Alfonso Magnanimo (della dinastia degli aragonesi). Solo dopo la metà del secolo venne consacrata a parrocchia.

Lungo le coste trapanesi, poi, trovate la Torre di Ligny:si tratta di un’antica costruzione, risalente al 1670, utilizzata per difendere la città.

La Torre venne costruita sulle rocce della città, e venne intitolata al Principe di Ligny. Conobbe il periodo di massimo splendore nel 1800, ma subito dopo venne abbandonata. Negli anni ’80 un progetto di riqualificazione l’ha portata al suo antico splendore.

Precedentemente, abbiamo parlato di Erice: la città, di origine fenicia, ha un bellissimo castello che merita di essere visitato. Si tratta del Castello di Venere: questa struttura nasce sul Monte San Giuliano e, anticamente, era costituita da possenti ed alte mura.

Oggi, purtroppo, queste sono visibili solo parzialmente a causa del decadimento della struttura. Dal Castello si po’ ammirare un panorama mozzafiato, quale la città di Trapani, e le isole Egadi. Se avrete la fortuna di visitare la città sotto un cielo limpido potreste anche riuscire a vedere Ustica.

Erice, negli ultimi anni, è diventata anche famosa per alcuni ritrovamenti archeologici importanti: statuette, frammenti di ceramica, antiche monete e gemme di anelli preziosi hanno reso questo luogo il fulcro della storia siciliana.

Cosa mangiare a Trapani

 

Per una volta mettete da parte i classici cannoli, la cassata e tutto ciò che avete in mente. A Trapani è di rigore assaporare il suo celebre cous cous di pesce. Reso famoso dall’omonimo Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo, questo piatto è un connubio di sapori unici.

Vi consigliamo anche il cabbuccio trapanese (o panino all’ufficiale): quest’ultimo viene realizzato con l’impasto della pizza, ed è condito con olio extravergine di oliva, acciughe, rosmarino e pomodoro a fette. Le varianti, però, non mancano di certo!

Infine, un ultima prelibatezza: parliamo della busiata con pesto trapanese. Si tratta di una pasta dalla particolare preparazione: questa viene arrotolata attorno ad un bastoncino di legno (il buso), che gli conferisce questa particolare forma.

Il pesto alla trapanese ha origine da quello genovese, ma in questa zona, oltre al basilico, si aggiungono anche pomodori, mandorle e aglio.

 

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi