Tibet, come arrivare e cosa vedere

Vi interessa compiere un viaggio dal profondo significato? La scelta di andare in Tibet è quel che fa per voi. Soprattutto ora che il tetto del mondo è più facilmente raggiungibile, anche dall’Italia, passando dalla Cina o dal Nepal (non esistono voli diretti internazionali per il Tibet).

Dove andare se volete spendere meno di 1.000 euro

Avete un budget di 1.000 euro per il vostro prossimo viaggio ma non avete ancora deciso dove volete andare? A darvi una mano è il TripMaximiser Report condotto da TripAdvisor, sito per la pianificazione e per la prenotazione dei viaggi, che consente di consultare milioni di recensioni e comparare i prezzi di hotel su diverse piattaforme, prima di procedere alla conferma del proprio viaggio.

Veneto, il 2016 è un anno record per il turismo

Il 2016 è andato in archivio con numeri record per il turismo del Veneto, regione che può annoverare 17 milioni di arrivi e 65 milioni di presenze totali. Quanto basta per spingere l’assessore Caner a parlare apertamente di un successo. Nel dettaglio, nel corso del 2016 il Veneto avrebbe registrato arrivi nella misura di 17.856.567 unità, in incremento del 3,5 per cento rispetto all’anno precedente, con 11.525.916 stranieri, in aumento del 2,8 per cento, e con 6.330.651 italiani, in aumento del 4,7 per cento. Le presenze totali sono invece state pari a 65.392.328 unità, in aumento del 3,4 per cento,

Quando prenotare un viaggio in treno

Un’analisi condotta da GoEuro, una nota piattaforma di viaggio che consente di cercare e prenotare biglietti per treni, autobus e voli in tutto il continente europeo, ci indica quando sarebbe più opportuno e conveniente effettuare la prenotazione di un viaggio su rotaia. In particolare, analizzando i propri dati interni sulle prenotazioni che sono state effettuate durante tutto il 2016 in otto tratte servite da Trenitalia, la piattaforma avrebbe rivelato come – acquistando con sufficiente anticipo – sia possibile risparmiare fino al 50 per cento sul prezzo del biglietto standard.

Case vacanza in Italia, business in continua crescita

Il business delle case vacanza? In Italia non sembra conoscere crisi, tanto che si tratta di un affare su cui sempre più italiani hanno deciso di puntare, anche in tempi che sembravano essere meno propensi sul fronte dell’investimento immobiliare. Stando a quanto ricordava poco tempo fa un’analisi compiuta da CasaVacanza.it, sito internet italiano specializzato nel settore, nel corso del 2016 il fatturato del business degli affitti turistici nel nostro Paese ha aumentato del 20% il proprio volume rispetto all’anno precedente.

Grimaldi Lines torna a proporre le sue vacanze a tema

Torna anche quest’anno l’appuntamento con i viaggi a tema di Grimaldi Lines, sulla rotta Civitavecchia – Barcellona – Civitavecchia. Sulla rotta nella quale sono impegnate la Cruise Roma e la Cruise Barcelona, sarebbero già state confermate alcune iniziative che non mancheranno di allietare gli ospiti a bordo dei due cruise ferry, in grado già di offrire una lunga serie di comfort come piscina, solarium, centro benessere, ristorante panoramico, club, casino, discoteca e tanto altro ancora.

Be Active, nuova iniziativa per il turismo ligure

Si è svolta qualche giorno fa ad Arenzano un incontro dedicato a una nuova e interessante iniziativa turistica ligure: la seconda fase di Be Active, un’azione basata sul portale dell’Agenzia regionale di promozione turistica In Liguria, che presenta una serie di offerte dedicate a chi ama stare all’aria aperta e, in particolar modo, desidera riscoprire il piacere di poter compiere dei fantastici percorsi a piedi, di corsa o sulla bicicletta. In tutto, ben 200 diversi itinerari e 45 strutture certificate e coinvolte nel loro ruolo di “supporter” e di Bike Hotel, per la realizzazione di una importante iniziativa che sta

Viaggio per San Valentino: chi lo ha fatto?

Gli italiani che si sono concessi un romantico viaggio per San Valentino? Sono pochi, molto pochi, almeno stando a quanto rivela una recente ricerca condotto da Confesercenti – SWG, e per la quale gli italiani che hanno scelto di partire per un breve viaggio romantico in compagnia del proprio partner sarebbero solamente il 4 per cento della popolazione complessiva. Non solo: sempre secondo la ricerca chi è partito si è dedicato a una mini vacanza di qualche giorno, prevalentemente concentrata nel fine settimana successivo, con costi che si aggirano tra 130 e 400 euro per persona per soggiorno in hotel,

Turismo in Veneto, dalla Regione nuovi incentivi

Stando a quanto recentemente reso noto, nel corso del 2017 la Regione Veneto investirà 12 milioni di euro per poter procedere con la riqualificazione delle strutture ricettive locali, e altri 1,8 milioni di euro per poter sviluppare le reti tematiche. E così, dopo i 12,5 milioni di euro che la stessa Regione ha indirizzato in via esclusiva ai comuni di montagna, l’istituzione desidera sostenere l’innovazione e la comunicazione delle strutture ricettive, sviluppandole in maniera positiva, e facendo sì che la loro competitività internazionale possa ottenerne immediati benefici.

Turismo Marche, come ripartire dopo la crisi

Il turismo delle Marche è in profonda crisi, almeno secondo l’ente camerale locale. Che, per intenderci, lancia dure accuse nei confronti delle istituzioni, e con il vice presidente della Camera di Commercio di Ancona, responsabile del settore turistico–alberghiero, nonché direttore di Confcommercio Marche, Massimiliano Polacco, che attacca: “utili i vecchi spot, la Regione deve rivedere completamente la sua idea di marketing turistico. La stagione 2017 è compromessa. Abbiamo solo il 2% di prenotazioni nel nord della regione. Ci vorranno almeno 5 anni per rimettere in piedi un sistema turistico che guardi alle Marche non solo come luogo di vacanza sul

Veneto, il 2016 è un anno record per il turismo

Il 2016 è andato in archivio con numeri record per il turismo del Veneto, regione che può annoverare 17 milioni di arrivi e 65 milioni di presenze totali. Quanto basta per spingere l’assessore Caner a parlare apertamente di un successo.

Nel dettaglio, nel corso del 2016 il Veneto avrebbe registrato arrivi nella misura di 17.856.567 unità, in incremento del 3,5 per cento rispetto all’anno precedente, con 11.525.916 stranieri, in aumento del 2,8 per cento, e con 6.330.651 italiani, in aumento del 4,7 per cento. Le presenze totali sono invece state pari a 65.392.328 unità, in aumento del 3,4 per cento, con 43.961.624 di stranieri, in crescita del 4,1 per cento e 21.430.704 di italiani, in sviluppo dell’1,8 per cento.

Come anticipavamo, numeri che sono stati in grado di generare un consueto ottimismo da parte dell’assessore regionale al Turismo, Federico Caner, che ha commentato riferendosi al 2016 come ad un anno record, grazie agli stranieri e al ritorno degli italiani. Un successo che l’assessore commenta come “costruito nel tempo”, grazie all’imprenditoria, e allo studio e all’innovazione del settore.

Alla luce di quanto avvenuto nel corso del 2016, il Veneto è dunque la quarta regione europea per arrivi, e sesta per presenze, rappresentando il 20,4 per cento del turismo in Italia. I picchi si registrano a Padova, a Treviso e a Verona, con il 9,1 per cento determinato soprattutto dal lago di Garda. Più in difficoltà è invece il turismo del mare, con calo del 5 per cento che sembra essere figlio della crisi interna, così come il turismo della montagna, in flessione dello 0,5 per cento a causa della diminuzione dei turisti italiani (ma crescono del 12,4 per cento quelli stranieri).

Infine, si rileva la forte crescita del turismo nelle città d’arte, con un incremento del 10,9 per cento nelle presenze di italiani, con 20,9 milioni di presenze, e quella del turismo alle terme, in sviluppo del 7,5 per cento. Numeri che, conclude l’assessore Caner, stanno manifestando in che modo gli italiani stanno cambiando la propria maniera di fare vacanza…

About The Author

Reply