Stati Uniti, record di visitatori per Orlando

I funzionari comunali di Orlando hanno annunciato il conseguimento di una storica pietra miliare nel settore dei viaggi, considerato che l’area è diventata la prima destinazione negli Stati Uniti a superare i 70 milioni di visitatori annuali. Stando a quanto affermato da fonti ufficiali, infatti, nel 2017 ben 72 milioni di visitatori si sono recati a Orlando, con un aumento di oltre il 5% rispetto all’anno precedente, rendendo ancora una volta questo luogo la destinazione più visitata degli Stati Uniti. “Il nostro anno da record è stato raggiunto nonostante i venti contrari internazionali e gli effetti a livello territoriale prodotti

Crociera in Alaska, nuova offerta da UnCruise Adventures

UnCruise Adventures ha pubblicato il suo programma delle crociere per l’Alaska per il 2019. Un programma interessante e ambizioso, da cui emerge un inizio precoce della stagione, con la prima crociera in partenza il 6 aprile. In totale, la linea avrà sette piccole navi che si muoveranno su undici diversi itinerari, includendo anche un nuovo giro in crociera dell’Alaska’s Glacier Country da Juneau. Gli altri porti includono Seattle, Ketchikan, Petersburg e Sitka.

Le destinazioni più care del mondo per i viaggi d’affari

ECA International ha analizzato centinaia di destinazioni in decine di Paesi in tutto il mondo per determinare le località più costose per i viaggi d’affari. I risultati ottenuti sono stati conteggiati esaminando il costo medio di un hotel a quattro stelle, oltre a spese di trasporto, pasti, lavanderia, alcolici e bevande analcoliche e spese accessorie. Cosa ne è derivato?

Come sconfiggere il caldo nelle vostre prossime vacanze estive

Il caldo è parte integrante dell’estate ma… a volte può mettere un freno ai vostri piani di viaggio, rendendoli più faticosi. Ovunque le vostre vacanze estive siano in grado di portarvi, sappiate che potete sconfiggere il calore con questi semplici consigli e trucchi.

Ungheria, cresce ancora il flusso turistico internazionale

Nel mese di marzo 2018, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il numero di arrivi turistici internazionali in Ungheria è cresciuto dell’11% e quello dei pernottamenti del solo turismo internazionale del 10,1% a poco più di 1 milione di unità, stando ai dati mensili dell’Ufficio statistico centrale ( KSH). Il fatturato determinato da quanto sopra è aumentato in modo significativo in ogni tipo di alloggio. Negli hotel, che rappresentano quasi nove decimi dei pernottamenti, il tasso di crescita è stato del 7,5%. Il numero delle notti da parte dei turisti stranieri è aumentato in tutte le regioni turistiche, con particolare

Alleanza iberica per promuovere il turismo in Spagna e Portogallo

La regione spagnola occidentale dell’Estremadura, che confina con il Portogallo, ha lanciato una proposta ai governi di Spagna e Portogallo per lanciare un’alleanza iberica finalizzata a promuovere il turismo nei due Paesi, alla Fiera Iberica del Turismo (FIT) svoltasi nella città portoghese di Guarda. La fiera, che è giunta alla sua quinta edizione e si è svolta dal 28 aprile al 1 maggio, quest’anno ha avuto come tema “One Fair, Two Countries, The World”. L’obiettivo dell’evento è stato quello di rafforzare l’unione sociale tra i due Paesi iberici e gli “scambi transfrontalieri strategici ed economici” per stimolare congiuntamente imprese e

Islanda: quanti turisti (realmente) riceve?

La straordinaria crescita del numero di turisti in Islanda da quando il settore del turismo si è aperto in misura consistente, potrebbe effettivamente essere stata sopravvalutata. È infatti emerso che le statistiche di arrivo negli ultimi anni hanno tenuto conto non solo dei i turisti ma… anche diversi viaggiatori che in realtà non hanno mai lasciato l’aeroporto. Nel 2010, infatti, poco più di 450.000 persone hanno visitato il paese del Nord Europa, alla ricerca di paesaggi sbalorditivi, una moltitudine di cascate e geyser geotermici. Ebbene, lo scorso anno tale cifra era già salita a 2,2 milioni, un livello in continua

Hainan: le Hawaii della Cina, si aprono al turismo internazionale

La più grande isola tropicale di Hina, Hainan, espanderà i propri viaggi senza visto ai turisti provenienti da 33 Paesi a partire da maggio: tra di essi c’è anche l’Italia, che potrà pertanto usufruire di un canale preferenziale per visitare una parte di quelle che vengono definite le Hawaii della Cina. L’elenco dei nuovi Paesi aggiunti all’elenco dei viaggi senza visto include comunque tutti i principali Paesi internazionali, come Regno Unito, Russia, Francia, Germania, Stati Uniti, Canada e i Paesi del Golfo degli Emirati Arabi Uniti e del Qatar.

I luoghi da visitare in Asia nell’aprile 2018

Volete programmare un bel viaggio in Asia nel prossimo mese di aprile? Le mete da scegliere sono ovviamente tante, ma per indurvi in piacevole tentazione, abbiamo di seguito riassunto alcune delle destinazioni che, a nostro parere, potrebbero fare al caso vostro. Cominciamo dal Vietnam. Il Paese ha registrato la maggiore crescita del flusso turistico in Asia durante lo scorso anno, con una crescita degli arrivi del 31%. Il Paese è amato sia da artisti affermati che da giovani alla ricerca di qualche esperienza fuori dai circuiti turisti  tradizionali: in ogni caso, è un luogo di destinazione da mettere nel proprio

Regno Unito, record di viaggiatori nel 2017

Gli attacchi terroristici che hanno colpito il Regno Unito nel 2017 possono aver scoraggiato il turismo familiare interno, ma non hanno dissuaso i visitatori internazionali, dal momento che il 2017 ha visto livelli record nel numero di turisti. Di contro, è pur vero che le attrazioni del centro di Londra hanno registrato un calo in media del 17% tra maggio e la seconda settimana di settembre rispetto al 2016, dichiara Bernard Donoghue, direttore dell’Associazione delle attrazioni turistiche principali (Alva). Durante quel periodo – ricordiamo – ci furono quattro attacchi terroristici nel Regno Unito, tre dei quali accaddero proprio nella capitale,

Stati Uniti, cresce la disaffezione verso il Jumbo

Dopo quasi mezzo secolo, gli Stati Uniti si stanno gradualmente disaffezionando nei confronti del Jumbo: il 19 dicembre 2017, un Boeing 747-400 della Delta Air Lines, decollato alle 14.58 da Seoul, è sbarcato con oltre 2 ore e mezza di ritardo sulla pista dello scalo Metropolitan Wayne di Detroit. Il volo non sembra essere stata una particolare novità, ma la stampa a stelle e strisce ha ribattezzato tale viaggio come l’ultimo del Jumbo.

In realtà, le cose non stanno esattamente così. Sebbene i titoli siano stati piuttosto eclatanti, ad uscire di scena è stato solo l’ultimo 747 passeggeri con la bandiera a stelle e strisce sulla fusoliera, cioè in servizio per una compagnia aerea americana. Ciò non significa, inoltre, che il 747 non continuerà ad arricchire i cieli internazionali, visto e considerato che saranno tantissime le compagnie che continueranno ad usarlo.

Il velivolo, oltre ad operare in centinaia di esemplari in tutto il mondo, è ancora in regolare in produzione ad Everett, vicino Seattle nello Stato di Washington, poiché ci sono ordini da evadere dell’ultima generazione (la 800) entrata in servizio solo 5 anni fa. Continuano a dare infatti fiducia al mezzo, tanto da averlo scelto anche recentemente, la tedesca Lufthansa, la Korean Air e l’Air China, oltre ai 14 esemplari che sono stati acquisti (ciascuno) dalla statunitense Ups, dalla Cathay Pacific e dell’europea Cargolux.

Teoricamente, considerato che questi giganti dei cieli hanno una longevità davvero invidiabile, e che possono operare con coerenza anche per 30 anni (d’altronde, sia sufficiente dare uno sguardo all’Air Force One), è dunque possibile e probabile che si potrà viaggiare in Jumbo fino al 2050, quando per è molto probabile che il futuro abbia già arricchito il mercato con servizi di volo probabilmente molto più innovativi.

Infine, si tenga conto che oltre al più moderno e innovativo 800, stanno solcando i cieli internazionali anche numerosi esemplari appartenenti alle serie precedenti. Si pensi ai velivoli che appartengono alla serie 400, che anche i meno appassionati ed esperti potranno riconoscere per una particolare forma arricchita da una la gobba allungata e dalle winglet all’estremità delle ali, che rappresenta la versione di maggior successo, prodotta fin dal 1989 nelle sue diverse varianti in 694 esemplari dei 1.533 Jumbo consegnati in 48 anni di vita.

Insomma, forse una parte del mondo si sta stancando dei Jumbo, ma è sicuramente presto per celebrare il suo funerale…

Tags:

About The Author

Reply