sicilia

Vacanze 2018: in Sicilia in traghetto da Napoli

Vuoi un’idea per una vacanza diversa dal solito? Perché non partire dal porto di Napoli per la Sicilia. Palermo si raggiunge in un tempo abbastanza elevato con il traghetto, si deve però considerare che questo trasbordo ci consente di raggiungere l’isola in totale comodità. Percorrere la tratta Napoli – Palermo in automobile è comunque un importante viaggio, più di 900 km che attraversano zone in cui le autostrade non sono di certo le migliori d’Italia. Se vuoi anche tu approfittare di questo tipo di opportunità vedi tutte le partenze dal porto di Napoli per la Sicilia.

Giamaica, il turismo cresce nonostante le misure di sicurezza

Alcuni recenti interventi rapidi e decisi, sostenuti da Edmund Bartlett, il responsabile del Ministero del Turismo della Giamaica, al fine di contrastare alcuni effetti delle misure di sicurezza potenziate implementate nell’area di St. James nel gennaio di quest’anno, sembrano non solamente non aver scalfito il potenziale turistico della nazione, quanto anche aver sostenuto gli arrivi. Il Paese ha infatti registrato una crescita complessiva del mercato turistico del 5,4% per i primi sei mesi dell’anno, con arrivi turistici per mezzo aereo in aumento del 5,9% e quelli per mezzo crociera del 4,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Barbados, introdotta una nuova tassa soggiorno sui turisti

Barbados ha introdotto una tassa turistica sugli hotel per tutti i visitatori che soggiornano sull’isola. La tassa di soggiorno costa tra $ 2,50 e $ 10 per camera a notte: ciò potrebbe significare che una famiglia che soggiorna in due camere per due settimane, potrebbe ricevere un supplemento di oltre 200 dollari per la loro visita. Il cambiamento è stato particolarmente criticato soprattutto per la tempestività: arriva infatti dopo pochi giorni di discussione, senza dare il giusto preavviso ai tour operator. Non solo: anche gli ospiti che hanno già prenotato una vacanza dovranno pagare le nuove tariffe, aumentando ulteriormente i

Grecia, attirare i turisti non è certo un problema

Anche se la Grecia ha dovuto affrontare molti problemi nel corso degli ultimi anni, attrarre i turisti non è stato uno di questi, tanto che si prevede che il Paese accoglierà un record di 32 milioni di viaggiatori stranieri nel 2018, rispetto a solo 6,2 milioni nel 1998 e a 15 milioni nel 2010. Nessuna delle principali destinazioni europee ha visto un aumento più grande del numero di visitatori verso la Grecia nel corso di questo decennio. Insomma, il turismo è la luce che brilla nell’economia opprimente della Grecia. Una luce che ha contribuito a sostenere una nazione che lotta

Stati Uniti, record di visitatori per Orlando

I funzionari comunali di Orlando hanno annunciato il conseguimento di una storica pietra miliare nel settore dei viaggi, considerato che l’area è diventata la prima destinazione negli Stati Uniti a superare i 70 milioni di visitatori annuali. Stando a quanto affermato da fonti ufficiali, infatti, nel 2017 ben 72 milioni di visitatori si sono recati a Orlando, con un aumento di oltre il 5% rispetto all’anno precedente, rendendo ancora una volta questo luogo la destinazione più visitata degli Stati Uniti. “Il nostro anno da record è stato raggiunto nonostante i venti contrari internazionali e gli effetti a livello territoriale prodotti

Crociera in Alaska, nuova offerta da UnCruise Adventures

UnCruise Adventures ha pubblicato il suo programma delle crociere per l’Alaska per il 2019. Un programma interessante e ambizioso, da cui emerge un inizio precoce della stagione, con la prima crociera in partenza il 6 aprile. In totale, la linea avrà sette piccole navi che si muoveranno su undici diversi itinerari, includendo anche un nuovo giro in crociera dell’Alaska’s Glacier Country da Juneau. Gli altri porti includono Seattle, Ketchikan, Petersburg e Sitka.

Le destinazioni più care del mondo per i viaggi d’affari

ECA International ha analizzato centinaia di destinazioni in decine di Paesi in tutto il mondo per determinare le località più costose per i viaggi d’affari. I risultati ottenuti sono stati conteggiati esaminando il costo medio di un hotel a quattro stelle, oltre a spese di trasporto, pasti, lavanderia, alcolici e bevande analcoliche e spese accessorie. Cosa ne è derivato?

Come sconfiggere il caldo nelle vostre prossime vacanze estive

Il caldo è parte integrante dell’estate ma… a volte può mettere un freno ai vostri piani di viaggio, rendendoli più faticosi. Ovunque le vostre vacanze estive siano in grado di portarvi, sappiate che potete sconfiggere il calore con questi semplici consigli e trucchi.

Ungheria, cresce ancora il flusso turistico internazionale

Nel mese di marzo 2018, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il numero di arrivi turistici internazionali in Ungheria è cresciuto dell’11% e quello dei pernottamenti del solo turismo internazionale del 10,1% a poco più di 1 milione di unità, stando ai dati mensili dell’Ufficio statistico centrale ( KSH). Il fatturato determinato da quanto sopra è aumentato in modo significativo in ogni tipo di alloggio. Negli hotel, che rappresentano quasi nove decimi dei pernottamenti, il tasso di crescita è stato del 7,5%. Il numero delle notti da parte dei turisti stranieri è aumentato in tutte le regioni turistiche, con particolare

Alleanza iberica per promuovere il turismo in Spagna e Portogallo

La regione spagnola occidentale dell’Estremadura, che confina con il Portogallo, ha lanciato una proposta ai governi di Spagna e Portogallo per lanciare un’alleanza iberica finalizzata a promuovere il turismo nei due Paesi, alla Fiera Iberica del Turismo (FIT) svoltasi nella città portoghese di Guarda. La fiera, che è giunta alla sua quinta edizione e si è svolta dal 28 aprile al 1 maggio, quest’anno ha avuto come tema “One Fair, Two Countries, The World”. L’obiettivo dell’evento è stato quello di rafforzare l’unione sociale tra i due Paesi iberici e gli “scambi transfrontalieri strategici ed economici” per stimolare congiuntamente imprese e

Roma, il piano bus non piace agli operatori turistici

Durante una recente conferenza stampa degli albergatori e degli operatori turistici romani, è emersa una profonda insoddisfazione nei confronti del “piano bus” capitolino, che provocherebbe impatti negativi sul settore, tanto da spingere i principali rappresentanti del comparto a minacciare di scendere in piazza se non accadranno ulteriori novità.

In particolare, per gli operatori il piano bus introdurrebbe due diversi provvedimenti definiti “irragionevoli e immotivati”. “L’assessore vuole assolutamente proibire ai flussi di turisti di accedere con i bus dedicati nel centro della città e poi impone un aumento di 17 volte delle tariffe per l’ingresso” – riporta il quotidiano Il Messaggero, sottolineando una parte dell’insoddisfazione maturata in occasione della conferenza, dove è stato condiviso come gli interventi in essere siano considerati proibizionisti dagli operatori, e insostenibili per l’economia turistica romana.

Stando alle varie sigle, prosegue il quotidiano, gli effetti del piano saranno “nefasti e non tarderebbero a travolgere l’intera filiera turistica capitolina che dà occupazione a migliaia di lavoratori”. Un danno enorme che, a loro detta, sarebbe ingiustificato dalle finalità del provvedimento.

Proprio a sostegno di questa tesi, gli operatori hanno presentato uno studio dell’università La Sapienza (basato sui dati dell’agenzia per la mobilità di Roma Capitale e dell’Arpa), stando a quale i bus turistici coprirebbero meno del 2% di chilometri annui percorsi nel centro di Roma dai veicoli, mentre lo spazio di sosta sarebbe di soli 0,6 metri quadri contro i 5,2 metri quadri per passeggero delle autovetture. Inoltre, lo studio evidenzia come i picchi di inquinamento non si registrano nel centro, ma nella zona est e nei giorni in cui è minore la presenza di bus. Ulteriormente, è stato riportato come i bus turistici che girano per Roma sono mediamente pari a 600 unità, contro le 570 mila autovetture stimate dall’Anci.

Insomma, per gli operatori turistici non ci sarebbe alcuna relazione tra traffico, occupazione degli spazi e inquinamento in centro città. In aggiunta a ciò, per gli operatori sarebbe impensabile che la mobilità dei turisti si possa risolvere facendo ricorso ad Atac “i cui servizi sono oggettivamente al collasso e inadatti a soddisfare le esigenze di gruppi numerosi, anziani e disabili” – conclude Il Messaggero.

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi