Spagna, calo del turismo in Catalogna

Gli hotel spagnoli hanno registrato 37,8 milioni di pernottamenti lo scorso mese di settembre, lo 0,4% in meno rispetto allo stesso mese del 2017, secondo i dati diffusi dall’Istituto Nazionale di Statistica (INE). Questo calo si spiega con la diminuzione dello 0,8% dei pernottamenti degli stranieri, mentre quelli dei domestici sono aumentati dello 0,5% rispetto al settembre 2017. Nel caso della Catalogna, il numero di visitatori provenienti dal resto della Spagna è diminuito del 5% a settembre, con una battuta d’arresto di quattro mesi per la comunità autonoma. In questo modo, pari al 13,3% del totale dei pernottamenti, la Catalogna

Viaggi nel 2019, tra la Polonia e la Thailandia!

Cosa hanno in comune la Polonia e la Thailandia? Forse nulla, tranne un unico elemento: quello di essere un punto di riferimento nelle nuove destinazioni del turismo mondiale (la prima) e nelle consolidate mete vacanziere (la seconda). Dunque, perché non mettere nel mirino queste due nazioni per poter organizzare un bel viaggio in giro per l’Europa o per il mondo il prossimo anno? Cominciamo dalla Polonia. Si tratta di un Paese davvero fantastico, dove potrai trovare la tipica energia giovanile di un mercato in fase di sviluppo sotto il profilo turistico. Se poi sei indeciso su dove soggiornare,a  Varsavia, la

Viaggio alla scoperta di Mérida, in Messico

Ti piacerebbe praticare dello Yoga all’alba, sulle rive di un fiume sacro per i Maya? Forse si e… questa è solo una delle magiche meraviglie che potrai scoprire con il Chable Resort, un resort realizzato in una hacienda convertita 250 anni fa, appena fuori Merida, in Messico. Ma il Chable Resort è più di un semplice rifugio di benessere con una spa di livello mondiale. Incorpora infatti le tradizioni indigene Maya e la guarigione con specifici trattamenti antichi, come un temezcal sotto l’occhio attento del Résident Abuela Ak’bal, un leader spirituale della zona. Dopo una connessione tra mente, corpo e

Dalla Colombia alla Slovenia, tante mete per il tuo prossimo viaggio 2019

Cos’hanno in comune la Colombia e la Slovenia? Poco o, probabilmente, nulla. Tuttavia, si tratta di due destinazioni che abbiamo scelto al fine di solleticare la tua voglia di far le valigie e partire alla volta di alcune delle mete più prelibate e apprezzate del prossimo anno. Iniziamo da Cartagena, in Colombia. Cartagena è un vero e proprio tripudio di colori, di cucina e di cultura. Ma dove alloggiare? Le opportunità sono tante, ma Casa San Agustin, situata al centro dell’azione all’interno delle mura della città, è sicuramente una delle scelte che ti consigliamo di valutare con la maggiore attenzione

Turismo internazionale, crescita del 6% nella prima metà del 2018

Stando a quanto afferma l’ultimo barometro dell’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite, gli arrivi turistici internazionali sono cresciuti del 6 per cento nei primi sei mesi del 2018, dopo un anno record di crescita, il 2017. Sempre secondo il barometro, tutte le regioni del mondo avrebbero registrato una forte crescita degli arrivi turistici nel periodo gennaio-giugno 2018, con l’aumento che è stato alimentato da una forte domanda proveniente dai principali mercati di origine, sostenuta da una ripresa dell’economia globale. “La pubblicazione dei dati sul turismo internazionale per la prima metà del 2018 è un’ulteriore prova della capacità di ripresa

Singapore Airlines pronta ad accogliere il primo A350-900 ultra-long-range

Airbus ha consegnato il primo aeromobile a lungo raggio A350-900 per il proprio cliente Singapore Airlines. L’aereo è in preparazione per il suo primo volo, e partirà da Tolosa per Singapore. Ricordiamo che l’ultima variante della A350 XWB più venduta è in grado di volare più a lungo di qualsiasi altro velivolo, con un’autonomia fino a 9.700 miglia nautiche (oltre 20 ore senza interruzioni). Complessivamente, Singapore Airlines ha ordinato sette aeromobili A350-900 ultra-long-range, configurati in un layout a due classi, con 67 posti in classe business e 94 posti in classe economica premium. Singapore Airlines inizierà a gestire l’A350-900 ultra-long-range

Etihad Airways sbarca con il suo A380 alle Maldive

Importanti novità nei servizi di Etihad Airways per le Maldive. La società ha infatti compiuto tappa in una delle mete turistiche più ambite del mondo con il suo A380, celebrando in tal modo la nuova pista di Malé. Etihad Airways ha dunque segnato l’apertura della nuova pista all’aeroporto internazionale di Velana nelle Maldive, operando con uno dei suoi aerei Airbus A380 nella nazione insulare. La nuova pista è lunga 3.400 metri e larga 60 metri, ed è la prima delle Maldive in grado di supportare un A380. L’operazione speciale di Etihad è stata pilotata dal primo ufficiale, Ali Ahuson, originario

Cristiano Ronaldo guarda a Parigi per il suo prossimo hotel

La superstar del calcio Cristiano Ronaldo, approdato alla Juventus quest’anno, dovrebbe aprire il sesto hotel della sua catena alberghiera lifestyle “CR7” a Parigi nel 2021. A rivelarlo è il magazine Goal.com, secondo cui la co-venture da $ 70 milioni con il gruppo alberghiero portoghese Pestana culminerà con una proprietà di 210 camere situata sulla riva sinistra del lato sud della Senna, a Parigi. “È perfettamente logico che il marchio Pestana CR7 venga implementato a Parigi”, ha affermato Ronaldo tramite il Daily Times. “Una delle città più visitate al mondo e una destinazione che combina il perfetto connubio tra eleganza e

Il turismo iraniano perde collegamenti aerei

Le compagnie aeree europee stanno gradualmente cancellando i voli diretti per l’Iran, ponendo così le basi per un possibile duro colpo per il turismo del Paese. Insomma, a quanto pare i tempi sono davvero difficili per l’Iran. Con il ritorno delle sanzioni economiche dagli Stati Uniti, il turismo, e in particolare il trasporto aereo, sta soffrendo in misura crescente. Di recente, British Airways ha ad esempio annunciato la sua decisione di sospendere i suoi voli tra Londra e Teheran dal prossimo 23 settembre. Secondo la compagnia britannica, questa rotta non è commercialmente valida a causa delle sanzioni statunitensi. Anche Air

Millennial sempre più interessati ai viaggi bleisure

“Viaggiare per affari o per piacere?”. Questa ricorrente domanda sta diventando qualcosa sempre più ancorata al passato. Almeno, questo sembra essere il caso della classe demografica di viaggiatori Millennial, molto corteggiata, che sta attualmente caratterizzando la tendenza di mescolare le due categorie dando origine all’inevitabile “viaggio bleisure“. “Negli ultimi anni, abbiamo notato un notevole aumento di viaggiatori d’affari che richiedevano informazioni e su cosa fare nella zona per divertimento”, spiega il presidente e CEO di Boston Corporate Coach, Meir Waizman. “Richiediamo a tutti i nostri autisti nelle oltre 500 sedi presso cui forniamo assistenza in tutto il mondo, di conoscere

Islanda: quanti turisti (realmente) riceve?

La straordinaria crescita del numero di turisti in Islanda da quando il settore del turismo si è aperto in misura consistente, potrebbe effettivamente essere stata sopravvalutata. È infatti emerso che le statistiche di arrivo negli ultimi anni hanno tenuto conto non solo dei i turisti ma… anche diversi viaggiatori che in realtà non hanno mai lasciato l’aeroporto.

Nel 2010, infatti, poco più di 450.000 persone hanno visitato il paese del Nord Europa, alla ricerca di paesaggi sbalorditivi, una moltitudine di cascate e geyser geotermici. Ebbene, lo scorso anno tale cifra era già salita a 2,2 milioni, un livello in continua crescita che ha sollevato molte domande su come una piccola nazione possa far fronte a tale afflusso e proteggere il suo paesaggio naturale.

Tuttavia, un’analisi delle sue reali statistiche turistiche ha mostrato che il numero di visitatori nel 2016 – 1,8 milioni – potrebbe essere più vicino a 1,5 milioni, in quanto circa 250.000 di arrivi erano stranieri che vivevano in Islanda, oppure passeggeri aerei che utilizzavano l’aeroporto internazionale di Reykjavik per collegarsi a un altro volo, o ancora che rimanevano in città per poche ore prima di partire per casa o per proseguire il viaggio. L’aeroporto di Keflavik di Reykjavik sta crescendo come hub per i viaggi transatlantici grazie ai vettori WOWair e Icelandair, ma questo non deve far intendere che tutti gli arrivi siano in realtà di turisti interessati a rimanere nell’isola.

In particolare, un sondaggio realizzato lo scorso anno dal ministro del turismo islandese ha rilevato che il 5 per cento dei passeggeri si “auto-collegano” sui voli da e per l’aeroporto di Keflavik, il 6 per cento “ha usufruito di alcuni servizi fuori dall’aeroporto senza pernottamento” e il 3 per cento “erano cittadini stranieri che vivevano in Islanda”, costituendo così il 14 per cento della cifra totale degli arrivi.

Le statistiche ci dicono inoltre che i dati di arrivo per marzo di quest’anno sono aumentati del 3% rispetto all’anno scorso, ma a causa del modo in cui vengono contati i visitatori è molto probabile che il numero di turisti in visita in Islanda a marzo sia diminuito. Insomma, i dati del turismo del 2017 di 2,2 milioni di visitatori è molto più probabile che siano un po’ meno di 2 milioni. Un bel dato, ma meno roseo di quanto dichiarato.

Tags:

About The Author

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi