Hainan: le Hawaii della Cina, si aprono al turismo internazionale

La più grande isola tropicale di Hina, Hainan, espanderà i propri viaggi senza visto ai turisti provenienti da 33 Paesi a partire da maggio: tra di essi c’è anche l’Italia, che potrà pertanto usufruire di un canale preferenziale per visitare una parte di quelle che vengono definite le Hawaii della Cina. L’elenco dei nuovi Paesi aggiunti all’elenco dei viaggi senza visto include comunque tutti i principali Paesi internazionali, come Regno Unito, Russia, Francia, Germania, Stati Uniti, Canada e i Paesi del Golfo degli Emirati Arabi Uniti e del Qatar.

I luoghi da visitare in Asia nell’aprile 2018

Volete programmare un bel viaggio in Asia nel prossimo mese di aprile? Le mete da scegliere sono ovviamente tante, ma per indurvi in piacevole tentazione, abbiamo di seguito riassunto alcune delle destinazioni che, a nostro parere, potrebbero fare al caso vostro. Cominciamo dal Vietnam. Il Paese ha registrato la maggiore crescita del flusso turistico in Asia durante lo scorso anno, con una crescita degli arrivi del 31%. Il Paese è amato sia da artisti affermati che da giovani alla ricerca di qualche esperienza fuori dai circuiti turisti  tradizionali: in ogni caso, è un luogo di destinazione da mettere nel proprio

Regno Unito, record di viaggiatori nel 2017

Gli attacchi terroristici che hanno colpito il Regno Unito nel 2017 possono aver scoraggiato il turismo familiare interno, ma non hanno dissuaso i visitatori internazionali, dal momento che il 2017 ha visto livelli record nel numero di turisti. Di contro, è pur vero che le attrazioni del centro di Londra hanno registrato un calo in media del 17% tra maggio e la seconda settimana di settembre rispetto al 2016, dichiara Bernard Donoghue, direttore dell’Associazione delle attrazioni turistiche principali (Alva). Durante quel periodo – ricordiamo – ci furono quattro attacchi terroristici nel Regno Unito, tre dei quali accaddero proprio nella capitale,

Turismo musicale, l’India traccia le nuove tendenze

Il turismo musicale? È un termine relativamente nuovo e, soprattutto, sconosciuto ai più, in India, fino a pochi anni fa. È invece ora un fenomeno enorme, che sta diventando sempre più popolare grazie ad una scena musicale fiorente e giovani consumatori desiderosi di nuove esperienze. Dunque, mentre il settore dei viaggi asiatici si prepara per un altro anno di entusiasmanti sviluppi, il turismo musicale sembra essere diventata la parola d’ordine nel 2018, superando tutti i trend di viaggio.

Turismo italiano, il BelPaese vince anche sul food

Tra i numerosi benefici che una vacanza in Italia può apportare al turista straniero, c’è anche la sua propensione a continuare ad acquistare food & wine tricolore anche una volta tornato a casa. In altri termini, il turista straniero in Italia finisce con il trasformarsi in ambasciatore dell’Italian way of living una volta tornato in patria, andando a rafforzare una tendenza ben nota agli operatori di settore, che stanno altresì cercando di sfruttarla in maniera più peculiare. Quanto sopra, si tenga conto, è quanto sta emergendo dall’ultima ricerca “Il turismo enogastronomico, driver della promozione del territorio a livello nazionale e

5 app da viaggio da usare nel 2018

Se siete amanti della tecnologia e dei viaggi, non c’è niente di meglio che sfruttare questo binomio per usare delle app che miglioreranno la soddisfazione nel raggiungere e vivere le vostre prossime destinazioni. Abbiamo dunque individuato 5 app che probabilmente troverete di grande utilità e che – ammesso che non le stiate già utilizzando – potrete sperimentare nei prossimi giorni! Cominciamo da Google Trips, un pratico strumento che vi consentirà di raccogliere ogni informazione di viaggio, organizzandole automaticamente. L’app propone anche itinerari di mezza giornata o di un giorno, suggerimenti e consigli e tanto altro. Non ultimo, il fatto che

Stati Uniti, calo dei viaggiatori imputabile a Trump?

Tra il 2015 e il 2017, solo due delle 12 principali destinazioni – Stati Uniti e Turchia – hanno registrato un calo nei viaggi a lungo raggio. Ne deriva che, sinteticamente, i viaggi verso gli Stati Uniti stanno calando, e che gli osservatori sembrano essere (quasi) concordi nel ritenere che la flessione dell’industria del turismo sia “colpa” del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. In modo più dettagliato, secondo l’Ufficio nazionale viaggi e turismo degli Stati Uniti, il numero dei visitatori internazionali è diminuito del 4 per cento nei primi sette mesi del 2017, con una tendenza che si è

Costa Smeralda, stagione turistica sempre più lunga

Anche se pensando alla Costa Smeralda è immediato il richiamo al sole e al mare, in realtà gli alberghi di questo meraviglioso angolo di Sardegna si stanno preparando inaugurare una stagione turistica sempre più estesa. Tanto che – si ricordava sull’Ansa – per la prima volta dopo anni, l’hotel Cala di Volpe (uno dei più noti di tutta la macro area) aprirà i propri battenti ad aprile grazie alla possibilità di ospitare un evento di carattere mondiale come l’”Engage Summit“, la fiera che ospita gli organizzatori di matrimoni, in programma tra il 25 e il 28 aprile. “Si tratta di

Viaggi, ecco quando conviene prenotare il prossimo

Non tutti i momenti sono identicamente convenienti quando si tratta di prenotare un viaggio. E uno studio condotto dal motore di ricerca KAYAK.it sembra poterlo dimostrare, grazie all’analisi dei dati provenienti da milioni di ricerche di mercato: nel suo dossier, la società ha infatti scoperto quale sia il momento “migliore”, in termini di convenienza, per poter prenotare voli e hotel per le destinazioni più gettonate del 2018. Come fare?

Viaggi low cost, ecco le mete preferite nel 2018!

Il mercato dei voli low cost continua a crescere, in Italia come altrove. Grazie, naturalmente, anche alle compagnie aeree low cost, che si sono riuscite a ritagliare uno spazio sempre più consistente nel segmento di mercato delle tratte c.d. “ad ampio raggio”, con un incremento del 29% rispetto al 2016 per quanto concerne le prenotazioni dei voli intercontinentali da parte degli europei. A rivelare quanto sopra è un’indagine condotta da eDreams ODIGEO, una delle più grandi società di viaggi online al mondo, e una delle principali realtà europee nel settore del commercio elettronico. Secondo quanto sostiene questo dossier, gli italiani

Berlino una città da visitare

Berlino fiume

Berlino fiume

Berlino è una delle maggiori città della Germania, nonché capitale federale della repubblica Federale di Germania.

Una città dal passato scomodo, e che racchiude molti dolorosi ricordi al suo interno. Non a caso, molti pensano che a Berlino ci sia poco o nulla da visitare.

In realtà, non è così: la storia (del paese, ma anche di tutta l’umanità) è racchiusa tra quelle mura. Anzi, lungo quel che resta del famoso Muro.

Tuttavia, la voglia di reagire, di imporsi al mopndo sotto una nuova luce e di mostrarsi all’esterno con occhi nuovi ha dato la possibilità a Berlino di redimersi, e di diventare la capitale europea che è oggi.

Ma cosa è possibile visitare a Berlino? Premettiamo che, se volete ammirare i luoghi più importati vi dovrete spostare con i mezzi. Detto ciò, ecco una mini guida utile per la vostra visita.

Berlino: ecco cosa visitare

Berlino - Porta di Brandeburgo

Berlino – Porta di Brandeburgo

Iniziamo dalla Porta di Brandeburgo: quando il Muro divideva in due la città, questa “Porta” era situata nella cosiddetta terra di nessuno. Nonostante ciò, viene da tutti considerata come un simbolo importantissimo di Berlino.

Una volta la città era costituita da ben 18 Porte, e l’unica rimasta in piedi è proprio quella di Brandeburgo. Quest’ultima era una delle zone preferite di Hitler per organizzare le parate naziste, e mostrarsi al suo popolo.

Un’altra zona da visitare è il Mitte. In tedesco significa Centro, ma questo si può definire tale solo l’abbattimento del Muro.

Dopo quel gesto, simbolico e politico, i palazzi vennero rimessi a posto e il centro tornò al suo antico splendore. Ovviamente, come in tutta Berlino, potrete cogliere sfumature diverse: passeggiando lungo il Mitte, infatti, vi imbatterete nei ricordi, nei musei e nell’arte persa di quel periodo.

Il Potsdamer Platz, invece, è una zona che ha vissuto varie epoche. Nel lontano 1920 era considerato il fulcro della vità berlinese, con cafè letterari, negozi e vita mondana. Dall’inizio della guerra, però, il Potsdamer Platz divenne una terra arida, abbandonata a sé stessa e dimenticata.

La sua seconda giovinezza è iniziata ufficialmente nella seconda metà degli anni ’90, quando divenne il più grande cantiere all’aria aperta di tutta Europa. Oggi, però, questa zona ospita il famoso Festival Internazionale del cinema di Berlino.

Infine, se amate l’arte non vi resta che visitare l’Alte Nationalgallerie della città: quest’ultima è situata nell’isola dei Musei della città, e raccoglie una delle più grandi collezioni di opere d’arte tedesche del XIX secolo. Non solo: al suo interno potrete ammirare oltre 440 tele, e ben 80 sculture. Insomma, un luogo di inestimabile valore.

Infine, vi consigliamo un ultimo tour….lungo le acque di Berlino. Forse non tutti sanno che la città possiede più ponti di Venezia, e che è circondata da molti corsi d’acqua navigabili. Si tratta, quindi, di una gita in barca diversa dal solito, e che permette di ammirare Berlino da altri punti di vista.

 

Cosa mangiare a Berlino

Se accostiamo i termini Berlino e Cibo cosa vi viene in mente? La prima cosa, senza dubbio, sono i wurstel, accompagnati dai crauti.

Già, perchè i tedeschi amano la carne…e la birra (la famosa OktoberFest si tiene a Monaco gli ultimi due fine settimana di settembre e il primo di ottobre)!

Ovviamente, lungo le vie della città potete trovare ristoranti sopraffini che vi proporranno menù internazionali, e soprattutto adatti ai palati più fini.

Berlino, quindi, è un’esplosione di divertimento, tradizione, ricordi e sogni. Camminando lungo le vie della città potete assaporare tutte queste emozioni…magari mentre state divorando un panino con wurtsel e crauti!

 

About The Author

Reply