Turismo italiano, bilancio positivo per giugno e luglio

Nella sua consueta indagine periodica, Federalberghi contribuisce a tracciare un panorama positivo per quanto concerne il turismo tricolore nei mesi di giugno e di luglio. Considerando che anche le previsioni per i mesi di agosto e di settembre parlano chiaro (e positivo), ne deriva che la prestazione per il turismo estivo 2017 dovrebbe essere particolarmente ottimistica, con 34,4 milioni di italiani in vacanza durante i quattro mesi della bella stagione, e un’alimentazione di 22 miliardi di euro del giro d’affari per gli operatori che sono attivi in questo importante comparto dell’economia italiana.

Turismo in Arabia Saudita, parte il progetto Vision 2030 sul turismo

L’avveniristico progetto Vision 2030, il piano di ristrutturazione economica lanciato dal principe Mohammed bin Salman per rendere l’Arabia meno dipendente dal petrolio poggia anche sul turismo. E, all’interno dei progetti turistici, c’è un’iniziativa da sogni: realizzare resort di lusso in 50 isole nel Mar Rosso e in altre località vicine alla costa, donando ai visitatori condizioni particolari come visti facilitati e ingressi esclusivi ai siti archeologici nell’entroterra.

Turismo eno-gastronomico, numeri ancora in crescita in Trentino Alto Adige

Il turismo eno-gastronomico? In Trentino Alto Adige (ma non solo qui) continua a crescere con ottimi numeri, tanto che a dieci anni di distanza dalle prime iniziative turistiche legate a questo comparto turistico, i vini e i prodotti alimentari locali, tipici della tradizione dell’area, sono sempre di più grandi protagonisti dell’industria delle vacanze trentine.

Turismo, oltre il 90% degli utenti è spaventato dal rischio terrorismo

Secondo una recente ricerca condotta da Reputation Manager, nel nostro Paese oltre 9 utenti del web su 10 si dicono spaventati dai recenti attacchi terroristici, tanto che tali eventi avrebbero indotto la necessità o la preferenza di modificare le proprie abitudini di viaggio o di partecipazione ai grandi eventi pubblici, come ad esempio le partite di calcio, o i concerti. Rispetto allo scorso anno la percentuale dei turisti online che si dice influenzata dal rischio di attentati nella scelta delle proprie vacanze è cresciuta addirittura del 45%, arrivando a pesare per il 91% del totale.

Continua a crescere il turismo veneto

Secondo quanto afferma Federalberghi, la stagione estiva sarebbe partita in modo positivo per il Veneto, con le spiagge della regione che registrano un incremento del numero di presenze fino al + 20 per cento. Una positività che sembra interessare anche i monti, considerato che il mese di giugno si è chiuso con una buona soddisfazione per gli albergatori, grazie a un tempo bello e sostanzialmente stabile, grazie a un calendario delle festività favorevole (la Pasqua bassa, il 16 aprile, ha portato in regime ottimi flussi turistici tedeschi) e grazie anche ai timori per la sicurezza che sembrano penalizzare maggiormente delle

Romagna, posto del “cuore” per i tedeschi (parola di Merkel)

La Romagna? È il posto del cuore delle vacanze dei tedeschi. Una dichiarazione d’amore che arriva dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, che qualche giorno a fa Berlino, in risposta all’invito di visitare la regione, rivoltole dall’assessore al Turismo dell’Emilia-Romagna, Andrea Corsini, assieme al presidente di Apt Servizi Emilia-Romagna, Liviana Zanetti, al presidente della Destinazione Turistica Romagna nonché sindaco di Rimini Andrea Gnassi, si è lanciata in una sponsorizzazione che non ricorda particolari precedenti. Insomma, la Romagna è nella mente e nel cuore dei tedeschi, e questo fa ben sperare affinchè i tedeschi popolino gli alberghi e le altre strutture ricettive

Belluno, deludono i dati sul turismo

I dati sul turismo bellunese deludono e, per qualcuno, non è affatto una sorpresa. Stando a quanto affermano le informazioni statistiche più recenti, elaborate da Cisl Belluno – Treviso, infatti, il settore del turismo sarebbe decisamente calato nella prima parte del 2017, trascinando con se evidenti impatti (negativi) sul fronte occupazionale. A fronte, peraltro, di altri settori in continua crescita, come quello costruttivo e metalmeccanico, che hanno permesso al tasso di disoccupazione della provincia di Belluno di evitare pericolose risalite (è oggi pari al 6,2%).

Community Tourism, nuovo progetto Airbnb per i borghi europei

Airbnb, una delle più note “piattaforme dell’ospitalità” al mondo, ha recentemente lanciato Community Tourism, un progetto che punta a finanziare associazioni e no profit per poter sviluppare dei progetti legati alle tradizioni dei piccoli borghi del vecchio Continente. Una iniziativa sicuramente interessante in una nicchia di turismo sempre crescente e – sostengono i critici – forse anche un modo propositivo per poter rispondere alle osservazioni negative e alle lamentele sull’impatto negativo delle locazioni favorite dalla stessa piattaforma. Che, a tal proposito, rilancia, affermando di puntare a creare un milione di posti di lavoro entro il 2020.

Quanto vale il turismo internazionale

Il turismo internazionale, stando a quanto riferisce il Wto, vale 1.522 miliardi di dollari. Si tratta di un dato probabilmente sottostimato (e relativo al 2015), ma che comunque manifesta quanto sia importante tale business, e quanto abbia ancora rilevanti margini di crescita, considerando che il turismo locale ha un valore di circa 7.600 miliardi di dollari nel corso del 2014, il 10 per cento del prodotto interno mondiale.

Sardegna, un viaggio tra i borghi più belli

Fino al prossimo 18 giugno la manifestazione Sardegna 2017 – Primavera nei borghi di eccellenza, promette di condurvi alla scoperta di alcuni dei borghi più belli della regione mediterranea, godendo di un fantastico mix composto da paesaggi urbani e naturalistici, cultura, arte, tradizioni, enogastronomia di qualità.

Belluno, deludono i dati sul turismo

I dati sul turismo bellunese deludono e, per qualcuno, non è affatto una sorpresa. Stando a quanto affermano le informazioni statistiche più recenti, elaborate da Cisl BellunoTreviso, infatti, il settore del turismo sarebbe decisamente calato nella prima parte del 2017, trascinando con se evidenti impatti (negativi) sul fronte occupazionale. A fronte, peraltro, di altri settori in continua crescita, come quello costruttivo e metalmeccanico, che hanno permesso al tasso di disoccupazione della provincia di Belluno di evitare pericolose risalite (è oggi pari al 6,2%).

Tornando al solo settore turistico, sono ancora i dati della Cisl ad aggiornarci che il saldo negativo del turismo in città costa più di 2.000 posti di lavoro, rilanciando ogni aspettativa di rimbalzo solamente nella stagione estiva e, soprattutto, nella prossima stagione invernale. Quella passata, invece, è stata (quasi) da dimenticare.

La brutta stagione invernale 2016/2017 ha infatti avuto un impatto negativo a causa della scarsa neve), ma non tutto è da buttare. Il segretario Cisl Alfio Calvagna sottolineava sui quotidiani locali che anche se la stagione invernale si è conclusa con un segno negativo, “va sottolineato che le assunzioni sono state di più rispetto al primo trimestre 2016, passando da 780 a 916”.

Esprime un proprio parere cauto anche il presidente di Federalberghi, Walter De Cassan, secondo cui “il 2017 ci ha portato una stagione magra come non mai, l’estate sembra promettere bene, ma i conti si fanno sempre alla fine. Bisogna avere fantasia e investire, anche i promozione e grandi eventi, che attirano molte persone e fanno parlare delle nostre zone”.

Insomma, anche se il 2017 è partito decisamente con il piede sbagliato, trascinando dietro di se una ultima parte di 2016 che non prometteva grandi risultati, c’è sicuramente dell’ottimismo per quanto concerne il nuovo anno, in relazione alla sua stagione estiva e, soprattutto, con i lavori di preparazione della stagione invernale 2017/2018. Per la quale, si intende, gli elementi utili al rilancio sono già stati espressi dagli esperti di settore, che ambiscono non solamente a un po’ di fortuna climatica, quanto anche alla possibilità di attingere alla creatività e ai nuovi investimenti che a volte nel corso degli ultimi anni sono evidentemente mancati.

About The Author

Reply